“Ama e fa’ ciò che vuoi”, una conversazione sull’amore e l’eros con Luciano Casolari (2011)

Quali verità sul nostro inconscio rivela la sessualità? Che rapporto c’è tra ragione e istinto, tra eros e amore? Per rispondere a questa e altre domande, trovando un consiglio per una vita sessuale e sentimentale più felice, abbiamo intervistato il Dottor Luciano Casolari, psicanalista e autore del saggio Ama e fa’ ciò che vuoi

di Sofia Natella, donnamoderna.com, luglio 2011

DonnaModerna:Ama e fa’ ciò che vuoi: qual è il significato profondo del titolo di questo saggio?”

Luciano Casolari: “Il titolo riporta una famosa esortazione di Sant’Agostino che invita l’uomo a porre l’amore sopra ogni cosa, collocando tutto il resto in secondo piano. Mentre le azioni possono avere diverse interpretazioni (ad esempio il cemento di vent’anni di vita assieme può essere la sintonia emotiva, ma paradossalmente anche uno sfruttarsi reciproco) nell’amore ciò che si prova emotivamente per l’altro è l’elemento più importante. Spesso ho a che fare nella mia attività di psicoanalista con persone che mi chiedono: Perché nessuno mi ama? Io cerco dispiegare che il loro vero bisogno non è di essere amati, ma di riuscire ad amare. La domanda vera allora è: Perché non riesco ad amare? Spesso la risposta che ne consegue è: Perché non so cosa siano veramente l’amore e il sesso! Nel libro provo a far trovare al lettore una personale risposta a questo quesito”.

DonnaModerna: “Qual è la sua teoria sull’amore e sul sesso?”

Luciano Casolari: “Nel libro mi sforzo di non presentare una teoria personale (anche se può inevitabilmente trasparire) perché ritengo che il lettore abbia il diritto di cercare una sua teoria che lo aiuti a trovare il bandolo della matassa attraverso il venire in contatto con le numerose storie raccontate e le spiegazioni sui risvolti psicologici interiori. Spesso i libri sull’amore e sul sesso sono eccessivamente scientifici, con la pretesa di spiegare tutto in base agli ormoni, o troppo intimistici, come nei romanzi in cui la storia del protagonista diviene emblematica di un modo di concepire la vita a due. Quasi sempre l’autore vuole imporre la sua ideologia e il suo modo di concepire l’amore e la sessualità senza tenere conto che la complessità dell’animo umano richiede una visione personale. Nel libro cerco di raccontare tante vicende con spiegazioni sulle motivazioni profonde che hanno portato i personaggi a mettere in atto i loro comportamenti. Il lettore dovrà cercare di trovare se stesso, il suo partner o parti del loro modo di vivere l’intimità. Nell’ultima parte del libro offro un percorso per cercare dentro di sé la propria idea dell’amore e le proprie ragioni per amare. Questo percorso sinteticamente può essere riassunto in quattro tappe: 1. Sintonizzarsi con l’erotismo 2. Armonizzare la razionalità 3.Gestire l’istinto 4. Abbandonarsi all’amore“.

DonnaModerna: “Qual è il rapporto tra erotismo, istinto, razionalità e amore?”

Luciano Casolari: “Quando parliamo di amore o di sesso solitamente facciamo molta confusione perché ognuno di noi ha idee diverse su cosa vogliano significare queste parole. Si può dire ti amo per esprimere attrazione sessuale, desiderio di condivisione emotiva, voglia di costruire un legame o la fantasia di sconfiggere assieme la solitudine. Per non parlare della possibilità che si tratti di una bugia detta soltanto per ottenere un secondo fine. Per questo all’inizio del libro cerco di suddividere la vita a due nei suoi quattro elementi fondamentali che sono appunto l’attrazione erotica, il ragionamento razionale che ci porta ad avvicinarci all’altro, la spinta istintiva sessuale che richiede uno sfogo e la coloritura affettiva amorosa. Queste componenti, come quattro strumenti di un’orchestra possono darci ognuna una certa felicità ma sarà l’armonia che si potrà creare fra le parti ad offrire il senso compiuto, come nell’orchestra quando gli strumenti suonano in sintonia. Quest’armonia ognuno di noi dovrà trovarla in un percorso individuale ed unico. Così come ci sono migliaia di musiche gradevoli ed armoniche, allo stesso modo si possono trovare migliaia di situazioni di coppia ben equilibrate. Nel libro provo a descriverne alcune.”

DonnaModerna: “Sembra che oggi ci sia un grande complesso sociale che intacca la sessualità quanto i sentimenti. Cosa ci impedisce di amare e di vivere l’erotismo liberamente, con gioia? Qual è lo stereotipo che proprio dovremmo buttare?”

Luciano Casolari: “La risposta è molto netta e chiara. L’uso a fini commerciali del sesso e dell’amore per vendere prodotti è intervenuto massicciamente sul desiderio erotico di per sé fragile e delicato provocando nell’ultimo secolo rilevanti stravolgimenti. Un capitolo del libro dal titolo Psicoanalisi del bunga bunga vuole analizzare un fatto di cronaca che ha certamente colpito l’immaginario collettivo e la sensibilità di ognuno di noi. In questo capitolo descrivo le modalità con cui i mezzi di comunicazione hanno utilizzato e manipolato l’istinto sessuale per fini commerciali. Si va dall’accostamento dello stimolo sessuale al prodotto da vendere (esempio una donna o un uomo affascinanti e sensuali posti vicino a un’automobile) fino a trasmissioni televisive che attraverso la disinibizione sessuale (le veline che ballano) costruiscono un contenitore utile a far passare il messaggio pubblicitario. La manipolazione della spinta erotica, a mio avviso, è sfuggita di mano agli stessi manipolatori che divengono succubi di una sottocultura in cui la sessualità è asservita al denaro e alla vendita del prodotto. Credo che dovremmo proprio buttare l’immagine dell’amore e soprattutto del sesso che offrono tanti programmi televisivi o film. Ad esempio in quasi tutti i film la descrizione dei protagonisti che fanno l’amore è assolutamente idealizzata rispetto alla realtà. Immancabilmente i protagonisti esprimeranno estasi e piena sintonia sessuale. Nella vita reale, invece, i primi approcci sono quasi sempre difficili, pieni di paure, di titubanze, di difficoltà grandi e piccole e solo col tempo la coppia potrà costruire una profonda e soddisfacente sintonia. I ragazzi giovani che fanno il paragone fra l’immagine del film e la loro esperienza reale si sentiranno degli incapaci e crederanno di essere gli unici ad avere delle difficoltà, enfatizzandole. Occorre che qualcuno spieghi loro che la complessità della vita intima richiede per tutti, tempo, tatto e fatica per raggiungere un’intesa piacevole. Dobbiamo allontanarci dall’assurda idea che amare e avere una sessualità felice sia facile e spontaneo. E’ un’esperienza bellissima ed esaltante che però richiede sacrificio e impegno. D’altronde nella vita tutte le esperienze belle richiedono lavoro e dedizione.”

Segue qui:

http://www.donnamoderna.com/salute/Eros-psiche/ama-fa-cio-che-vuoi-conversazione-eros-amore-casolari#dm2013-su-titolo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...