IL GENIO DEGLI ITALIANI IN 150 GRANDI IDEE (2011)

Dalla Vespa all’ombrello, dalla caffettiera all’aliscafo In un libro i retroscena dei brevetti che hanno fatto storia

di Jacopo Jacoponi, lastampa.it, 21 ottobre 2011

1949 Il primo esemplare della Vespa fu realizzata da Corradino D’Ascanio per la Piaggio di Pontedera

La Vespa, la caffettiera Bialetti, la Cinquecento, lo sappiamo; la lampada Parentesi di Castiglioni, la macchina da scrivere Olivetti, certo. Ma anche cose ignote e decisive come l’ombrello, il forno da cottura o, scusate, la nervatura che rende possibile la costruzione delle scarpe da donna con i tacchi alti (do you know Manolo Blahnik?). Senza quella non sarebbero esistite le dive hollywoodiane, e oggi non potremmo guardare, sgomenti, il décolleté smagrito di Demi Moore, sogno erotico di migliaia di adolescenti Anni Ottanta. Nel «Seminario IV» Jacques Lacan spiega che gli oggetti – reali o simbolici – sono in strettissimo rapporto con due concetti, narcisismo e castrazione. Attraverso gli oggetti celebriamo, in forme a volte parossistiche, un’immagine di noi stessi, ma esprimiamo anche ciò che ci è stato tolto, una mancanza, quindi un desiderio, legati ai nostri anni più piccoli. Sarebbe discorso lungo, e magari Lacan ha torto, ma non può non venire in mente passando in rassegna gli oggetti grandiosi prodotti in 150 anni da quello che, con retorica da rivedere, si suole chiamare «il genio italiano».

Cos’è, più precisamente, il «genio italiano», se non forse la capacità di truccare delle carte, sparigliare, e aprire altri giochi? In un libro appena uscito, Vittorio Marchis, professore di Storia dell’industria italiana al Politecnico, racconta «150 (anni di) invenzioni italiane» (Codice edizioni), cose che effettivamente hanno a che fare con la proiezione della nostra immagine di italiani, i desideri, i consumi, le ambizioni realizzate e frustrate, il ciò che siamo e quello che, a cavallo del secolo, eravamo. Guardiamo queste «cose» e constatiamo che non sono, appunto, cose, ma «oggetti», cioè relazioni. Parlano di noi. Ognuna ha dietro di sé vicende fantasmagoriche, al limite dell’incredibile. A volte, come suggerisce Marchis, «il nostro genio consiste nella proiezione adulta di una capacità di gioco quasi infantile», per questo siamo così propensi a costruire oggetti semplici, a volte giocattoli. Tra gli inventori ci sono sì premi Nobel come Fermi e Marconi, ma soprattutto oscuri operai, soldati, ingegneri, profughi, fuggitivi, imboscati. Siamo davvero questo, ammesso che siamo un popolo.

L’inventore dell’ombrello, per dire, era Giovanni Gilardini, semplice lavoratore del Verbano arrivato negli Anni Quaranta dell’Ottocento a Torino. Capì che l’abbigliamento poteva passare dalla semplice cucitura a mano alla standardizzazione. Divenne il fornitore principale di calzature per alpini e vestiario per l’esercito italiano nella Grande Guerra. Se avete presente Monicelli, ecco, dietro c’è Gilardini. Enrico Forlanini, nato dalla borghesia intellettuale milanese, nel 1912 inventò l’«idrottero», base dei moderni aliscafi: era partito producendo dirigibili, se oggi andiamo velocemente al mare sulle isole lo dobbiamo a lui. Salvatore Ferragamo era un calzolaio avellinese che ebbe la pensata di applicare elementi di scienza delle costruzioni alle scarpe da donne: è stato lui a inventare l’elemento irrigidente per le scarpe da donne, nel ‘23 si spostò a Hollywood, aprì il «Boot Shop» e si fece calzolaio delle stelle. Ma abbiamo anche inventato il missile giocattolo con l’apertura automatica, che tanti di noi ha fatto felici, bambini, e stupirà anche i nostri figli: bene, Alessandro Quercetti, che lo brevettò, era un ex pilota di guerra. Scopriamo, o ricordiamo, che la macchina del film «Ritorno al futuro» – quella che si apre quasi con le ali è di Giugiaro.
Sarebbe stato facile, pensando agli «oggetti italiani», fermarsi al design industriale vanto del Moma, la sedia di Cassina, le cose di Sottsass, le lampade di Castiglioni, i maestri dello stile Munari e Giò Ponti. Ma siamo stati molto di più, bambini, narcisisti, geniali, esperti nel desiderare, sempre aperti all’innovazione, e questo è il nostro autoritratto.

http://www.lastampa.it/2011/10/21/societa/il-genio-degli-italianiin-grandi-idee-XbyzTgkRjlTzzOLMskOrDP/pagina.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...