STRIPTEASE CULTURALE: MASSIMO RECALCATI (2012)

di Redazione, D Repubblica, 11 febbraio 2012

La prima memoria culturale?
Ungaretti avvolto in un mantello nero che legge con voce roca, quasi indecifrabile, passi dall’Odissea in televisione: era il preludio allo sceneggiato con Bekim Fehmiu nei panni di Ulisse e Irene Papas in quelli di Penelope. Avevo 5-6 anni. Ero incantato da quella voce e dall’attesa di Telemaco per il ritorno di suo padre…

L’evento che le ha cambiato la vita?
L’incontro con due donne. Da ragazzo la mia professoressa di lettere, Giulia Terzaghi, dodici anni fa con Valentina, mia moglie. Due risvegli. Il primo rispetto al sapere, il secondo rispetto alla possibilità dell’amore.

Il posto dove le vengono più idee?
Ho ritmi da operaio. La mattina all’alba, prima di cominciare a vedere pazienti, quando fuori è ancora buio. Non c’è tempo migliore per avere nuove idee. Lo diceva anche Nietzsche. E in treno, o quando corro al parco Sempione.

Cosa sta leggendo?
Vari libri alla volta. Sono alle prese con la grande biografia di Richard Ellmann su Joyce; Dio non è un assicuratore, una raccolta di scritti del padre benedettino Marc-François, fratello dello psicoanalista Jacques Lacan; La mia vita di uomo di Philip Roth; un vecchio Corso sulle nevrosi ossessive di Charles Melman.

Un film che l’ha colpita?
The Tree of Life. La potenza della vita e della morte, insieme alla sessualità e al desiderio, sono i temi che mi interessano di più in assoluto.

Musica. La sua biografia in una playlist? E per il funerale?
Barocco tutta la vita. Per il funerale ho già dato indicazioni: Stabat Mater di Vivaldi. Ascolto più volentieri le canzoni dove posso capire le parole. Per me la vera musica è fatta fondamentalmente di parole. Per questo amo De André, Battiato, Vecchioni, Ligabue, De Gregori, Guccini.

E la tv? Un programma dell’infanzia e uno di oggi?
Le sfide della grande Inter negli anni Sessanta, con mio padre. Ancora oggi cerco di non perdermi l’Inter in tv, non frequentando lo stadio. Mio figlio però, almeno per il momento, si annoia. Oggi: Crozza, BallaròChe tempo che faReport, i documentari di storia, le partite di basket dell’NBA.

Frasi da muri/magliette?
Su un muro a Pavia: «C’è ancora la tua impronta nella nebbia».

Una cosa stupida che fa online, e non riesce a smettere?
Da quando i miei libri hanno cominciato a vendere un pò, controllo le classifiche online, la cui esistenza mi è stata rivelata dal mio editore, Raffaello Cortina. Ho letto che Slavoj Zizek ha lo stesso tic disgustoso. So che abbiamo avuto lo stesso analista, forse non siamo stati ben analizzati (!).

Qualcosa di insolito imparato dai figli?
Dopo avergli raccontato la storia di Caino e Abele si sono accordati che anziché essere l’uno o l’altro per sempre era meglio alternare i ruoli.

Cosa le piacerebbe fare, un progetto folle ma utile?
Convocare gli stati generali della psicoanalisi, riunificare la famiglia freudiana, ricomporre l’armata della psicoanalisi. Schierandola contro le tendenze dominanti della psicologia cognitivo-comportamentale che riduce l’uomo a una macchina computerizzata della quale bisogna assicurare l’efficacia.

Allergie, generi che detesta?
I reality, il genere Ballando sotto le stelle, la morbosità conformista tipo Porta a porta, la cultura new-age, l’house e la techno, Skype, l’idolatria per le cifre, i numeri, i dossier, l’epidemiologia statistica, lo scientismo, il positivisimo e il neopositivismo, ogni specie di fondamentalismo.

Icone? La faccia di un politico, uomo o donna, che le piace?
Ieri la faccia di Enrico Berlinguer, oggi quella di Obama. In entrambe vedo intelligenza, fatica, lavoro, speranza, forza, dolcezza, ostinazione, desiderio, passato e avvenire… Sartre diceva che dopo i cinquant’anni un uomo ha la faccia che si merita.

Come comincerebbe la sua autobiografia?
È stato un bambino considerato idiota.

http://www.jonasonlus.it/images/stories/Striptease_culturale.pdf

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...