Ida Magli: «Con le donne al potere crolla la civiltà»

L’antropologa contesta il rovesciamento dei ruoli e lancia l’allarme sull’élite degli omosessuali*
di Gian. Ven., Libero, 13 settembre 2012

Ida Magli, l’autrice del libro La fine dell’uomo sostiene che le donne si siano avvantaggiate della crisi economica, per sostituire i maschi nei ruoli di comando. Concorda con questa tesi?
«Per nulla. Non credo che la crisi sia stata un fattore destabilizzante del potere maschile. Gli uomini sono ancora ai posti di comando e di questo mi rallegro. Le donne, anziché contrastare l’uomo, avrebbero fattomeglio ad avviare una riflessione su due temi: l’immigrazione e il predominio gay».
Si spieghi.
«Dacché esiste l’Unione europea, non ho mai sentito un politico donna opporsi seriamente all’immigrazione. Eppure l’immigrazione contribuisce alla frantumazione dell’unità dei popoli europei. Nel 2030, quando i musulmani avranno il predominio nel nostro continente, non sarà solo la fine della donna, costretta dall’islam a un ruolo di minorità, ma anche del maschio europeo. Solo in questo senso riesco a parlare di “fine dell’uomo”… europeo».
I gay, invece?
«Sono l’altra dimostrazione che la donna non ha vinto. L’élite omosessuale, sempre più presente nei luoghi di potere, è l’immagine del maschio che fa a meno della donna. L’uomo gay indica la morte della società, condannandola a essere sterile. È l’altro segnale preoccupante della fine della nostra civiltà».
Eppure, sostiene la Rosin, le donne oggi sono predominanti nelle professioni socialmente più accreditate, laddove i mestieri più muscolari e più maschili subiscono un crollo. Come commenta?
«Credo che le cose perdano valore quando se ne impadroniscono le donne. Penso alla psicoanalisi. Era una scienza nobile, fin quando era nelle mani degli uomini, dai padri fondatori in poi. Non appena si è creata la figura dell’analista donna, la psicoanalisi ha perso influenza, per lo meno nel nostro continente. Lo stesso vale per la scuola e per la comunicazione. Gli uffici stampa sono pieni di donne, ma questo dimostra soltanto che la donna è uno strumento di comunicazione tra maschi».
C’è almeno un aspetto positivo nell’emancipazione della donna?
«Il femminismo ha provato a intercettare il potere dei maschi e ha creduto di raggiungere il successo facilmente, senza una riflessione su quello che ciò avrebbe comportato. L’unica conseguenza è che, con l’emancipazione femminile, si è distrutta la famiglia e si è abbassata la natalità».
In questo panorama fosco, esiste qualche donna di potere che stima particolarmente?
«Non mene viene in mente nessuna. Si dice che Michelle Obama sia la donna più potente del mondo: ma non è potente lei, è potente suo marito. È un po’come Carla Bruni per Sarkozy. D’altronde, anche quando le donne hanno il potere, non riescono a sfruttarlo. La regina d’Inghilterra è sul trono da sessant’anni, ma in tutto questo tempo non ha mai speso la sua voce su temi decisivi per la nazione. Potrebbe essere importante, ma fa finta di non esserlo».
Forse però alcune donne sono limitate nella loro ascesa dall’impossibilità di conciliare il ruolo di donna con quello di madre. Esiste, secondo lei, un aut aut di questo tipo nel nostro Paese?
«Fare figli è un impegno serissimo e decisivo per la sopravvivenza della civiltà. Purtroppo però in Italia non si fa nulla per incentivare questo servizio alla società. Anzi, il governo di Monti ha impedito alle dipendenti statali di usufruire, grazie alla maternità, di un periodo più lungo ai fini pensionistici. E la dimostrazione di come siamo ben lontani dall’affermazione di una donna capace, allo stesso tempo, di lavorare e fare la mamma».
In sostanza, non sente di condividere in nulla la tesi della Rosin?
«Il problema è che la scrittrice guarda la situazione femminile da una prospettiva esclusivamente americana. Gli statunitensi sono ancora convinti di rispecchiare il mondo, ma sbagliano. E soprattutto faticano a teorizzare, visto che sono un po’ stupidi».

* Il dialogo fa spesso riferimento al recente libro di Hanna Rosin La fine dell’uomo

http://web.uniroma2.it/modules.php?name=RassegnaStampa&op=archivio&firstDate=&lastDate=&id_canali=&id_rassegna=1174&id_sezioni=&word=&p=2

Annunci

2 thoughts on “Ida Magli: «Con le donne al potere crolla la civiltà»

  1. Matteo Ballabio ha detto:

    non sono per niente d’accordo…qui in CH nel consiglio federale abbiamo 3 donne su 7 consiglieri e il cancelliere é pure donna, quindi 4 su 8….3 anni fa abbiamo votato contro la costruzione dei minareti e abbiamo una legge ferrea sull’immigrazione…io credo solo che si tratti di saper fare il proprio lavoro e di essere gente civile sia da parte delle donne, ma soprattutto da parte degli uominigia ma secondo me non é colpa delle donne come tali…si tratta proprio di immagine…l’articolo dice qualcosa sulla regina d’Inghilterra, ma si scorda della appena defunta Margaret Tatcher…si puô essere contro le sue politiche e scelte, ma non ditemi che quella non aveva i coglioni.

  2. Sandro ha detto:

    La Tatcher “aveva i coglioni” ?
    Certo, perché c’erano sempre degli uomini pronti (e obbligati…) a pararle il deretano.
    Avesse dovuto fare affidamento solo su stessa e sulle altre femmine, non avrebbe combinato nulla, al pari di tante altre femminucce…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...