Il dolore è dolore ovunque. Anche a Teheran (2013)

di Francesca Bolino, il-volo-della-mente-d.blogautore.repubblica.it, 15 maggio 2013

“Il dolore è dolore ovunque”.  A Teheran, così come a New York o a Milano. Gohar Homayounpour – psicoanalista che da anni conduce analisi didattiche e supervisioni nel Gruppo freudiano di Teheran e insegna Psicologia all’Università Shahid Beheshti di Teheran – tenta di esplorare l’umanità lasciandosi alla spalle tutti quei clichés che, purtroppo e troppo spesso, ci accompagnano nelle scelte di ogni giorno. Una psicoanalista a Teheran (Raffaello cortina editore) riesce nell’intento di spiegare che la sofferenza e il dolore della persona sono un fenomeno esistenziale e non iraniano, americano, italiano… Ma cosa vuol dire praticare l’analisi a Teheran? E soprattutto, cosa significa essere una donna che lavora nel Gruppo freudiano di Teheran? Sorpresa! Le donne iraniane protagoniste del libro, non raccontano l’oppressione o le ingiustizie che devono affrontare quotidianamente a causa della società in cui vivono. Queste donne parlano di solitudine, angoscia, paura: le stesse  problematiche interiori di ogni donna al mondo.
Segue qui:

http://il-volo-della-mente-d.blogautore.repubblica.it/2013/05/15/il-dolore-e-dolore-ovunque-anche-a-teheran/

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...