Psicoanalisi al tempo della crisi, con Jonas la terapia costa 5 centesimi

di Marina Sogliani, buonenotizie.corriere.it, 18 agosto


Avete presente lo strizzacervelli da caricatura, quello che se ti giri schiaccia un pisolino e allo scoccare dei 60 minuti spara 80, 100, 150 euro con la stessa nonchalance di Lucy quando dice a Charlie Brown “5 centesimi prego”? Bene. Ora mettetegli sul lettino il paziente-tipo in tempo di crisi: depresso come il suo portafogli, ad ogni parcella più povero, ergo più depresso. Bel circolo vizioso, no?

Fortuna però che oltre a Lucy e agli psicologi da caricatura ci sono professionisti, nella cruda realtà, che i 5 centesimi li chiedono per davveroSono gli psicanalisti di Jonas. Un’associazione nata esattamente dieci anni fa con l’obiettivo di“accogliere le necessità che emergono dalla realtà sociale, rendendo possibile un percorso di cura anche a coloro che, a diverso titolo, si trovano in difficoltà economiche” spiega la dott.ssa Battistina Bertino di Jonas Aosta, la più settentrionale delle 18 sedi di Jonas sparse per il paese. All’estremo opposto c’è la sede di Bari, coordinata dalla dott.ssa Antonia Guarini che sintetizza in “rendere praticabile la psicanalisi per tutti” la mission comune dell’associazione, da Nord a Sud.
Sì perché soprattutto in città, a Bari ma anche a Milano,
“i servizi pubblici sanitari spesso sono oberati di lavoro – spiega la dott.ssa Guarini – e non sempre sono in grado di accogliere il considerevole numero di domande di presa in carico per un trattamento psicoterapeutico”.
Ci sono i privati, e le tariffe di cui sopra (ma un luminare può chiedere anche oltre 300 euro a seduta). Invece da Jonas regola è: mai chiudere la porta in faccia a nessuno. Tariffe a partire da zero euro, su misura di portafogli, con una media di 40 euro.

Se una persona non ha le possibilità materiali di curarsi non può essere condannata a soffrire” è la spiegazione – ma anche la denuncia – della dott.ssa Elena Ferrante, responsabile di Jonas Milano (terza in un trittico di donne, sarà un caso).
Che ci tiene a precisare: 
Questo non significa che a Jonas facciamo volontariato a prezzi popolari. I nostri collaboratori (tutti intorno ai 30 anni, ndr.) sono scelti per la loro passione ma anche per la professionalità. Sono professionisti che hanno scelto e condiviso il rischio di impegnarsi senza la condizione di un rientro economico sicuro. Perché la psicanalisi non può selezionare i pazienti in base al reddito”.
E allora al diavolo le tariffe standard. Al diavolo lo strizzacervelli da caricatura. 

E – ferma restando la professionalità – evviva i prezzi di Lucy.

 

http://buonenotizie.corriere.it/2013/08/18/psicoanalisi-al-tempo-della-crisi-con-jonas-la-terapia-costa-5-centesimi/

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...