Rivoluzione in psicanalisi

Antonino Ferro: «La disciplina non deve perdere la capacità di curare Ma il lavoro oggi è su un campo esteso tra terapeuta e paziente»

di Lorenzo Parolin, ilgiornaledivicenza.it, 25 maggio 2014

Definisce la psicoanalisi come nulla più che “Un paziente, un terapeuta e uno spazio in cui lavorano”. In aggiunta, quando sale in cattedra ama ricavare esempi dalla vita quotidiana. Così, tra un riferimento a Kant e uno a ciò che accade in cucina, con incursioni nel cinema e nella letteratura, il 66enne presidente della Società psicoanalitica italiana, Antonino Ferro, sta rivoluzionando l’“invenzione” di Sigmund Freud. Concetti come “campo analitico”, “rêverie” o “narrazione”, aiutati anche da una propensione al racconto che emerge nei saggi scritti in oltre vent’anni (tra tutti: “La psicoanalisi come letteratura e terapia”, “Nella stanza d’analisi” o il recente “Le viscere della mente”), sono entrati grazie nel linguaggio degli psicoanalisti di ultima generazione e il suo studio di Pavia, dov’è arrivato da Palermo, è un punto di riferimento per molti.

Per continuare vai al link:

http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/2503_gli_articoli/739144_rivoluzione_in_psicanalisi/?refresh_ce#scroll=1000

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...