Il genere della violenza, gli orrori hanno un sesso

Guerre, devastazioni, stupri privati e pubblici di interi popoli li ha fatti il sesso maschile. Dagli uomini che ne sono lontani ci si aspetterebbe che almeno si ponessero il problema

di Lea Melandri, ilmanifesto.info, 9 aprile 2015

È vero che non tutti gli uomini ucci­dono, che la cul­tura maschile da secoli non ha semi­nato solo morte, ma dato vita anche a opere sublimi di civiltà; è vero che l’amore, la soli­da­rietà, il paci­fi­smo non le sono estra­nei. Forse è per que­sto che esi­tiamo a nomi­nare alcune verità. La prima è che la vio­lenza, dalle guerre tra Stati alle guerre civili dovute al fana­ti­smo o a pro­blemi sociali, alla per­se­cu­zione delle mino­ranze, è stata pra­ti­cata dal sesso maschile, sia pure con l’aiuto e la com­pli­cità delle donne. La seconda con­si­de­ra­zione è che l’amore e l’odio, con­si­de­rate pul­sioni con­trap­po­ste, non si danno mai iso­la­ta­mente, vin­co­late come sono l’una all’altra.

Ad Albert Ein­stein, che in una let­tera del set­tem­bre 1932 gli chie­deva «metodi edu­ca­tivi», «modi di azione» per fre­nare la «fata­lità della guerra», Freud rispon­deva: «…la pul­sione di auto­con­ser­va­zione è cer­ta­mente ero­tica, ma ciò non toglie che debba ricor­rere all’aggressività per com­piere quanto si ripro­mette. Allo stesso modo la pul­sione amo­rosa, rivolta ad oggetti, neces­sita di un quid della pul­sione di appro­pria­zione, se vera­mente vuole impa­dro­nirsi del suo oggetto. La dif­fi­coltà di iso­lare le due spe­cie di pul­sioni nelle loro mani­fe­sta­zioni ci ha impe­dito per tanto tempo di rico­no­scerle». (Freud, “Il disa­gio della civiltà e altri saggi”, Bol­lati Borin­ghieri 1987, p. 93).

Come è pos­si­bile che ancora oggi, dopo tanto par­lare di patriar­cato e di maschi­li­smo, non si rie­sca a scal­fire la maschera di neu­tra­lità che impe­di­sce di rico­no­scere ai respon­sa­bili di tanti orrori l’appartenenza a un sesso? Che cosa impe­di­sce agli uomini sin­ce­ra­mente con­vinti di dover ope­rare per la pace nel mondo di inter­ro­garsi sulla matrice “virile” della vio­lenza? Per­ché, a loro volta, le donne sono così poco inclini a chie­dersi quando e come un figlio, un marito, un amante pas­sano dalla tene­rezza alla violenza?

Segue qui:

http://ilmanifesto.info/il-genere-della-violenza-gli-orrori-hanno-un-sesso/

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...