Il lavoro al potere

Il lavoro, l’alleato più importante del nostro desiderio (che ripudia l’indolenza) trova nell’immaginazione il suo sostegno più pregiato

di Sarantis Thanopulos, ilmanifesto.info, 8 maggio 2015

Abitiamo, disorientati, in una mutazione antropologica epocale e (lasciandola indisturbata al suo compimento) catastrofica: la sostituzione del rapporto con gli oggetti d’uso reali con una realtà esangue, immateriale. Lo spazio virtuale che ci imprigiona, nulla ha a che fare con la  fantasia creativa che trasforma in materia vivibile e significativa la materia grezza di cui è fatta la realtà. Non è alla virtualizzazione della realtà in sé a cui assistiamo, ma allo svuotamento dell’immaginazione. L’elaborazione onirica dell’esperienza vissuta, la sospensione della sua effettività che la soggettiva e la umanizza, è sostituita dal suo negativo: l’astrazione dalla soggettività attraverso la sua riduzione in una dimensione dell’esistenza puramente numerica, quantitativa. La realtà virtuale creata dall’intelligenza artificiale, è il modello a cui si uniforma questa necrosi della vita vera, che dà l’impressione falsa di uno spazio di infinite possibilità (il nulla travestito in infinito).

Segue qui:

http://www.psychiatryonline.it/node/5631

http://ilmanifesto.info/il-lavoro-al-potere/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...