Il corpo senza testa

di Sarantis Thanopulos, ilmanifesto.info, 19 giugno 2015

Un tran­ses­suale di 20 anni ha deca­pi­tato a Milano una donna di 51 anni, cono­sciuta negli ambienti della droga, che lo ospi­tava. Ha get­tato la testa nel cor­tile e ha con­ti­nuato a infie­rire sul corpo. L’assassino ha dichia­rato alla poli­zia: «Abbiamo tra­scorso due giorni a bere e a con­su­mare cocaina, poi abbiamo liti­gato men­tre par­la­vamo di morti e l’ho colpita». Ne «La testa senza corpo», Julia Kri­steva vede nell’interesse per la deca­pi­ta­zione degli uomini, in epoca moderna, il segno dell’oblio delle teste tagliate di donna, a par­tire da quelle di tre regine: Anna Bolena, Maria Stuarda, Maria Anto­nietta. Il pri­vi­le­gio accor­dato alla castra­zione virile, rimuove il ber­sa­glio vero: è alla testa della madre che si mira.

Segue qui:

http://www.psychiatryonline.it/node/5703

http://ilmanifesto.info/il-corpo-senza-testa/

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...