Il debito scolastico? Un’occasione per ripartire

di Martina Lurani, Luigi Ballerini, avvenire.it, 24 giugno 2015

Sono la mamma di un ragazzo di quattordici anni che ha appena terminato il primo anno di liceo. È stato un anno durissimo per lui e per tutta la famiglia. È sempre andato volentieri a scuola, felice dei compagni e di incontrare nuovi professori ma pochissimo interessato alle materie che venivano affrontate, a detta sua tutte noiose e che non centravano con la vita. Quando gli chiedevo cosa intendesse per vita non sapeva mai darmi una risposta…

Le scuole sono finite. Per molti ragazzi è stato un anno duro, per qualcuno durissimo. Così come pure per le loro famiglie. E magari non è ancora finita, uno o più esami a settembre sembrano compromettere irrimediabilmente l’attesa di un’estate serena. Un figlio che non si impegna con lo studio mette davvero a dura prova la pazienza dei genitori, spesso chiede loro un lavoro extra di presenza non sempre efficace, anzi a volte addirittura controproducente. La lettera che abbiamo ricevuto lo testimonia con sincerità: ci viene illustrato bene come si possa arrivare a una situazione in cui a causa della scuola il figlio è esasperato, la madre distrutta e il resto della famiglia affaticato…

Al link il proseguimento della lettera di Martina Lurani e della risposta di Luigi Ballerini:

http://www.avvenire.it/rubriche/Pagine/Giovani%20storie/Il%20debito%20scolastico%20%20br%20%20%20Un%20occasione%20per%20ripartire_20150624.aspx?rubrica=Giovani+storie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...