Maiolo: “Lo stupro? Altro che bravata!”

Il branco non ragiona, non pensa, ma agisce guidato da una pulsione collettiva che è priva di sentimento

di Giuseppe Maiolo, ladigetto.it, 20 luglio 2015

L’incredibile sentenza della Corte di Appello di Firenze che manda assolti un gruppo di giovani accusati di aver violentato una ragazza di 23 anni, stupisce non poco. Si tratta infatti di registrare come ancora oggi l’abuso non sia considerato un atto riprovevole e un’azione da condannare. Non è per criticare la sentenza che non vede censurabile il comportamento di questi ragazzi in quanto la giovane vittima prima era stata consenziente e poi in stato di ubriachezza e difficoltà psico-fisiche non voleva più partecipare, ma quanto per sottolineare come ancora oggi non si presti la dovuta attenzione al processo educativo che dovrebbe prevedere un’adeguata educazione alla sessualità. Viceversa appare significativo il fatto che vengano ridotte a «bravate» cose così gravi e non sanzionabili atti di violenza sessuale da parte di un gruppo che hanno a che fare con un processo di maturazione problematico, soprattutto a livello sessuale.

Segue qui:

http://www.ladigetto.it/permalink/45703.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...