Ballerini, Rosai: “L’esame si fa in due. E l’ansia non deve dipendere da noi”

di Valeria Rosai, Luigi Ballerini, avvenire.it, 2 settembre 2015

Gentile dottor Ballerini, tra pochi giorni comincerò gli esami e mi sento dominata dall’ansia di non riuscire ad affrontarli al meglio, nonostante abbia lavorato seriamente in questi mesi estivi. La paura dell’insuccesso mi impedisce di essere lucida nel lavoro di ripasso di questi ultimi giorni. Forse è solo una questione di atteggiamento, forse si può imparare una sorta di autocontrollo che mi permetta di dominare l’ansia e la sensazione di non essere adeguata? Oppure è necessario un lavoro più profondo su me stessa per riuscire ad essere serena di fronte ad una prova così importante? Valeria Rosai

Cara Valeria,
innanzitutto grazie per la tua lettera, così sincera e personale. Mi informi che stai per fronteggiare gli esami di settembre a scuola, e che ciò ti procura ansia, come la chiami tu. Anche il lavoro del ripasso finale sembra compromesso da questo tuo sentire. Vorrei innanzitutto dirti che nella tua situazione un certo stato di tensione è frequente e anche normale. Sai, deriva dal fatto che l’esito di un esame non è mai solo in mano nostra. Succederà così anche all’università, se la frequenterai più avanti. Si è sempre in due a fare l’esame, lo studente e l’insegnante, e le ragioni del suo risultato sono equamente distribuite. Intendo dire che entrambe le parti ci mettono del proprio, per questo non possiamo mai essere sicuri di come andrà. Però, mi scrivi anche che quest’estate hai lavorato e ti sei impegnata, quindi siamo sicuri che hai fatto la tua parte. A questo punto ti auguro di non trovarti davanti un insegnante che sia un cacciatore di lacune o un intercettatore di mancanze, il tipo che è contento solo di scovare quello che non sai. Che sia piuttosto un valorizzatore del lavoro svolto, ossia desideroso di avere e dare soddisfazione. Se hai lavorato, meriti questa soddisfazione.

Segue qui:

http://www.avvenire.it/rubriche/Pagine/Giovani%20storie/L%20esame%20si%20fa%20in%20due.%20E%20l%20ansia%20non%20deve%20dipendere%20da%20noi_20150902.aspx?rubrica=Giovani+storie

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...