Ballerini, Gottarelli: “Educare all’uso delle chat? Sì, a partire dai genitori”

di Luigi Ballerini, Paola e Tiziano Gottarelli, avvenire.it, 30 settembre 2015

Siamo genitori di quattro figli. Ci siamo accorti che negli ultimi anni la tecnologia è entrata (prepotentemente) a far parte dei rapporti con i nostri figli e tra di loro. Oggi, soprattutto WhatsApp è diventato uno strumento di controllo di quello che i nostri figli fanno o dicono. In particolare a tutti i livelli ha preso piede la moda (la mania?) di utilizzarlo come strumento di comunicazione anche fra genitori, quasi affidando alla tecnologia compiti di controllo e organizzazione delle giornate….

No news, good news. Niente nuove, buone nuove. È un vecchio detto che dovremmo rivalutare, testimonia infatti l’assenza della melanconia che è sempre lì ad aspettarsi qualcosa che non va, una disgrazia dietro l’angolo, una sciagura tanto paventata quanto attesa. La bontà del detto ha anche a che fare con la tentazione di tenere tutto sotto controllo, segna la caduta del bisogno di un monitoraggio continuo della situazione. In fin dei conti ci dice che se accadrà qualcosa di rilevante, qualcuno me ne informerà; nel frattempo posso continuare a occuparmi delle mie questioni personali…

La lettera e la risposta seguono qui:

http://www.avvenire.it/rubriche/Pagine/Giovani%20storie/Educare%20all%20uso%20delle%20chat%20%20Si%20%20a%20partire%20dai%20genitori_20150930.aspx?rubrica=Giovani+storie

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...