Campagner: “Don Giovanni. Kierkegaard al “bivio” tra libertinismo e grazia”

di Luigi Campagner, ilsussidiario.net, 14 ottobre 2015

La prima raccolta delle Opere di Kierkegaard in lingua italiana usci a cura di padre Cornelio Fabro nel 1972. In essa il Don Giovanni (1843), titolo in breve del saggio appassionato di Kierkegaard sugli Stadi erotici immediati ovvero il Musicale erotico, dedicato al Don Giovanni di Mozart (1787) non venne incluso. Così come escluso dalla raccolta fu anche Il diario del seduttore (1843), l’opera semi biografica con la quale Kierkegaard catturava e allo stesso tempo respingeva le attenzioni della sua Copenaghen, la “cittaduzza” dove scelse di vivere nonostante vi si trovasse a suo agio non più di un pescecane in laguna. L’immagine del pescecane è quella utilizzata da Kierkegaard per indicare la peculiarità della sua dialettica che egli aveva imparato dal padre prima ancora che dall’amato Socrate e dall’odiato Hegel. Essa consisteva nel ribaltare all’ultimo l’argomento dell’avversario dopo averlo favorito nell’esporlo e dunque nell’esporsi. “Il pescecane che vuole afferrare la preda deve rovesciarsi sul dorso poiché tiene la bocca sotto il ventre; il suo dorso è scuro il suo ventre argento. Spettacolo magnifico vedere questo cambiamento di colore che alle volte getta dei bagliori così vivi da far quasi male agli occhi e la cui vista non di meno dà tanto piacere (Diari, 1834­1855)”. Nella stessa rete dialettica di lusinghe e respingimenti, di blandizie e cattiverie Kierkegaard aveva catturato, seducendola spiritualmente, per poi disfarsene con religioso disprezzo, la giovanissima fidanzata Regine Olsen, eminente rappresentante della società danese nella sua qualità di figlia del primo ministro. La scelta di Fabro lasciò libero spazio all’editoria laica che si fece un vanto di far conoscere al grande pubblico le opere giovanili di Kierkegaard. La scomposizione poi della cultura italiana in appartenenze politiche, così di moda in quegli anni, favori anche la canonica ricapitolazione dell’opera di Kierkegaard in parti a sé stanti, dialetticamente contrapposte: la parte estetica e quella religiosa, mediate dalla cerniera dell’etica (protestante e capitalistica).

Segue qui:

http://www.ilsussidiario.net/News/Cultura/2015/10/14/DON-GIOVANNI-Kierkegaard-al-bivio-tra-libertinismo-e-grazia/2/646504/

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...