Thanopulos: “Il ‘Mercato delle leucemie'”

di Sarantis Thanopulos, il manifesto, 7 novembre 2015

Che la riunione dei responsabili delle vendite di una casa farmaceutica inizi con la frase «Come va oggi il mercato delle leucemie?», è pura routine, niente affatto una trovata da film sul cinismo dei mercanti della salute. I venditori parlano direttamente di malattie e non di farmaci, per quella mancanza di etica che è frutto dell’obiettività: le malattie muovono le vendite più dell’efficacia dei farmaci che dovrebbero curarle. Più ci si ammala, più si vendono farmaci, perché chi si ammala ne fa necessariamente richiesta, nella speranza (a volte fondata, a volte no) o nell’illusione (che non ha bisogno di essere fondata) che possano servire. Il paradosso di cui il mercante farmaceutico si fa, dal suo punto di vista, carico, è che più i farmaci funzionano più le malattie diminuiscono, così si vende e si guadagna di meno. Di fatto il mercato della salute deve evitare che i pazienti muoiano o guariscano presto. Sempre più malati in vita, o malati a vita, è il sogno, per nulla proibito, di ogni imprenditore della salute. La prevenzione delle malattie, se non richiede l’uso di sostanze, è controproducente. Dove è possibile (spesso nel campo psichiatrico), la malattia si inventa e se ci sono condizioni che la favoriscono è meglio non stracciarsi le vesti (per l’industria farmaceutica i mali non vengono mai per nuocere). Essere malati (di qualsiasi cosa, «basta che funzioni») sta diventando, nostro malgrado, cosa a sé dissociata dalla condizione di sanità.

Segue qui:

http://www.psychiatryonline.it/rubrica/4788

http://ilmanifesto.info/il-mercato-delle-leucemie/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...