Freud: un secolo dalla teoria dell’inconscio

La teoria dell’inconscio ha compiuto 100 anni

Nel novembre 1915 veniva pubblicata la serie di scritti di Sigmund Freud, in cui per la prima volta il padre della psicanalisi descrive il funzionamento dell’inconscio, paragonato alla massa sommersa di un enorme iceberg

di Redazione, salute.ilgiornale.it, 7 dicembre 2015

«La mente è come un iceberg: galleggia con un settimo della sua massa al di sopra dell’acqua». Così Sigmund Freud era solito spiegare, con un’analogia piuttosto intuitiva, cosa intendesse con la teoria dell’inconscio, inteso come l’insieme delle attività cerebrali che non fanno parte della nostra coscienza. La punta di questo iceberg, la parte che sta sopra il pelo dell’acqua, è paragonabile alla nostra consapevolezza, ed è nettamente più piccola rispetto alla massa sommersa, che è appunto metafora di ciò che teniamo all’interno del nostro inconscio. Una tale rivoluzionaria teoria veniva espressa per la prima volta nella serie di scritti teorici del grande psicoanalista austriaco denominati «Metapsicologia», pubblicati nel novembre 1915: ciò significa che il pensiero di Freud ha da poco compiuto i suoi primi 100 anni. Un grande traguardo per quello che è diventato il concetto fondamentale della psicanalisi, e ci ha aiutato a comprendere meglio noi stessi.

Segue qui:

http://salute.ilgiornale.it/news/23541/-inconscio-freud-iceberg-massa/1.html

Compie 100 anni la teoria dell’inconscio di Freud

di Redazione, gds.it, 7 dicembre 2015

La psiche umana è paragonabile a un iceberg, in cui la parte che affiora al di sopra dell’acqua è la parte conscia, mentre tutta la parte sommersa è quella inconscia. Sono i sogni, i lapsus e altri ‘segnali’ che ci aiutano a entrare in contatto con questa parte ‘nascosta’, l’inconscio, in cui risiedono pulsioni e contenuti rimossi che sfuggono alla ragione e condizionano i comportamenti senza che se ce ne rendiamo conto, in una ‘stratificazionè psicologica che prevede tre livelli anche se non rigidi (conscio, preconscio, cioè un livello intermedio, e inconscio). Queste alcune delle basi su cui poggiano le teorie dell’inconscio di Sigmund Freud, che egli ha concettualizzato ed espresso in alcuni scritti pubblicati del novembre 1915, cioè 100 anni fa, all’interno di Metapsicologia, gettando le basi per un concetto fulcro della psicoanalisi che è stato poi ‘attualizzatò e rivisitato nel tempo. «L’inconscio è il concetto centrale della psicoanalisi – spiega Elisabetta Marchiori, psichiatra e membro della Società Psicoanalitica Italiana (Spi)– ha gettato le basi per una scienza che continua a esplorare, evolvendosi, le relazioni della coscienza con l’inconscio, quelle tra il mondo interno e il mondo esterno dell’individuo, le relazioni tra le persone, nelle coppie (a partire da quella madre-bambino) nei gruppi e nelle società».

Segue qui:

http://gds.it/2015/12/07/compie-100-anni-la-teoria-dellinconscio-di-freud_446122/

 

La teoria dell’inconscio di Freud compie 100 anni

Concetto centrale psicanalisi, poi rivisitato e attualizzato

di Redazione, ansa.it, 6 dicembre 2015

Cento anni. Tanti ne sono trascorsi da quando Sigmund Freud ha concettualizzato le sue teorie sull’inconscio espresse nello scritto Metapsicologia del novembre 1915, gettando le basi per un concetto centrale della psicoanalisi che e’ stato poi attualizzato e rivisitato nel tempo.

Segue qui:

http://www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/salute/2015/12/06/la-teoria-dellinconscio-di-freud-compie-100-anni_da708dab-cae7-44b6-8b7e-e3410b255e05.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...