Recalcati: “Se il nemico è invisibile”

di Massimo Recalcati, repubblica.it, 21 dicembre 2015

Lo scorrere della vita ordinaria occulta il Terrificante; il tran tran burocratico delle nostre abitudini esorcizza l’eventualità, sempre possibile, dell’imprevisto, dell’inatteso, di ciò che potrebbe scompaginare traumaticamente la nostra quotidianità.

Lo teorizzava a sua modo David Hume: se nulla può assicurarci che il sole sorgerà anche domani — come avviene dall’inizio dei tempi — solo l’abitudine ci consente di prevedere, con ragionevole certezza empirica, che questo accadrà regolarmente. Il che significa che esiste una evidenza naturale del mondo che assicura il quadro stabile della realtà esorcizzando la presenza sempre in agguato del Terrificante.

Per questo Lacan affermava che nella nostra vita quotidiana siamo tutti sempre un po’ addormentati. Viviamo in una routine frenetica che benda il nostro sguardo. La città e le sue strade, i cieli, i voli aerei, gli orari dei treni, le scadenze amministrative, i divertimenti, gli orari di lavoro, la Chiesa, il teatro, il cinema, la libreria, la nostra casa; tutto appare avvolto dalla nebbia di una normalità che nasconde la presenza minacciosa del Terrificante

Segue qui:

http://www.nuovaresistenza.org/2015/12/22/se-il-nemico-e-invisibile-redzione/

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...