Thanopulos: “L’eredità di Freud”

di Sarantis Thanopulos, ilmanifesto.info, 2 gennaio 2016

Nel 2015 c’è stato il centenario della pubblicazione di «Metapsicologia»: una raccolta di saggi di Freud, in cui sono definiti i concetti di «pulsione», «inconscio» e «lutto». Ha prodotto un cambiamento drammatico nel modo di concepire la nostra esistenza. La pulsione e l’inconscio, nell’uso che ne fa Freud, sono concetti epistemologici che fondano un nuovo dominio di sapere e non oggetti di indagine scientifica diretta, fenomeni neurofisiologici di cui studiare sperimentalmente l’esistenza. Freud ha definito la pulsione (concetto limite tra il somatico e lo psichico) come rappresentante psichico degli stimoli corporei, la misura del lavoro che la psiche deve compiere, costretta dal suo legame con il corpo. Il concetto di pulsione ha reso indirettamente conoscibile (mediante l’osservazione dei suoi effetti) la forte spinta corporea che sottende la nostra relazione con il mondo. Sotto l’effetto della spinta, l’essere umano si estroverte, si apre al mondo, può dare senso e direzione alla sua esistenza solo in modo trasformativo.

L’idea dell’inconscio precede Freud e la sua esistenza è oggi riconosciuta dalle neuroscienze. Ogni rappresentazione della realtà avviene in due modi interconnessi: uno segue il principio di piacere e, ignorando il tempo e il principio della non contraddizione, non ha accesso alla coscienza; l’altro segue il principio di realtà e può diventare cosciente. La loro relazione è regolata dalla «rimozione»: le rappresentazioni coinvolte in conflitti psichici sono confinate nel modo di pensare inconscio, dove sono tollerate e, se cercano di diventare coscienti, sono respinte. Freud ha centrato il suo sguardo non direttamente sui processi mentali inconsci, in sé inconoscibili, ma sulle aeree, definite «propaggini», in cui essi penetrano nella coscienza. Ha reso così osservabili forme di pensiero miste, compatibili con la coscienza sul piano formale, ma incongrue sul piano del contenuto: fantasticare, lapsus, atti mancati, motti di spirito, sintomi e soprattutto sogni. Luoghi incerti di comunicazione tra l’inconscio e la coscienza, sedi di un equilibrio instabile tra la potenza destabilizzante del desiderio e le condizioni oggettive della sua soddisfazione. Misurano il conflitto tra la chiusura e l’apertura dell’essere alla vita.

Segue qui:

http://www.psychiatryonline.it/node/5966

http://ilmanifesto.info/leredita-di-freud/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...