Silva: “La bella morte”

Caro premier Renzi, ecco qui la mia riforma urgente: una pillolina per chi vuole andarsene

di Umberto Silva, ilfoglio.it, 24 febbraio 2016

Accolgo la richiesta del premier Renzi di suggerire una nuova riforma, e amleticamente la intitolo: “Morire o crepare?”. Questo è il problema, il più urgente e diffuso, dal momento che gli umani sono soliti trapassare, tutti quanti. Da sempre è in atto una violenta disputa tra fautori della morte volontaria e i suoi acerrimi nemici. La chiesa è feroce con chi preferisce il fai da te, e gli nega il funerale, ma Dio ride di queste intemperanze, e di sicuro non è contento che per la messa al bando delle pillole molti suoi sofferenti figlioli debbano gettarsi giù dalla finestra, per di più rischiando di accoppare chi sta sotto. Che molti intrepidi lottino fino all’ultimo col dolore più torturante, tanto di cappello; ma bisognerebbe anche spargere la voce che Dio non pretende questo da noi, essendo Egli tutt’altro che un torturatore. Morire o crepare? Sto parlando di persone che in piena coscienza valutano il proprio destino terreno, non delle morti tragiche; quelle purtroppo sono incontrollabili e non sempre c’è qualcuno che sul ponte afferra in extremis il disperato tuffatore. Parlo di uomini che vedono nella morte non tanto un nemico da combattere all’ultimo sangue, quanto un’amica misteriosa e dolcissima. Parlo di un uomo che sceglie di morire perché convinto che sia il momento giusto, che la morte sia più dignitosa, umana, e più generosa di quanto sia diventata la vita, che in ogni caso va ringraziata, impegnandoci fino all’ultimo con un bel gesto che ci faccia meritare una altrettanto bella morte. Il pensiero va subito agli eroi, a chi si tuffa nel fiume in piena salvando altre vite pur sapendo di non tornare a riva; a chi si getta nel fuoco da cui sa che sarà bruciato, a chi si offre al martirio salvando così altre vite. E’ la morte più bella, e mi farebbe grande piacere morire così, anche per togliermi di dosso certe inestirpabili colpe, ma non è detto che mi si presenti l’occasione. Le morti eroiche potrebbero evitarmi, e passerei il tempo come un folle a cercare invano qua e là un po’ di gloria. A noi sfortunati, a questo punto resta la possibilità di una caritatevole Madama Morte che ci risparmi brutte figure come sporcarci ogni cinque minuti o contendere il letto d’ospedale ai bambini.

Segue qui:

http://www.ilfoglio.it/la-politica-sul-lettino/2016/02/24/la-bella-morte___1-vr-138638-rubriche_c180.htm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...