L’anatomia è destino? Buon compleanno Freud!

di Francesca Bolino, d.blogautore.repubblica.it, 6 maggio 2016

Buon compleanno Freud! (6 maggio 1856). Oggi vorrei però ricordare i nomi di donne che hanno contestato, decostruito il suo operato in merito alla femminilità: Simone de Beauvoire, Kate Millet, Germaine Greer, Luce Irigaray , Betty Friedan. Cosa hanno fatto queste pensatrici in quegli anni in cui Freud non solo era all’apice del successo ma le sue teorie venivano osannate in ogni ambito socio-culturale, celebrate come la verità assoluta e soprattutto considerate come il vero elemento di innovazione rispetto alla liberalizzazione dei comportamenti umani? Ecco (in sintesi) le contestazioni:
1. Le teorie di Freud sulla sessualità femminile si fondano solo sui comportamenti del bambino maschio. Solo successivamente (molto dopo) Freud comprende e forse riconosce l’infondatezza di questa convinzione. Quindi rimedia con una “concezione posticcia sul femminile”, che ben si adatta però alla originaria idea di base “primato del fallo”.
2. Le sue teorie sono inficiate dalla visione patriarcale che imperava alla sua epoca. Freud credeva fortemente nella supremazia del maschio in ogni situazione della vita. Infatti comprese e accolse in senso sessuale (desiderio di possedere un pene) la richiesta da parte delle donne di emancipazione dalla posizione di inferiorità che la società imponeva loro. Non ne fece una lettura culturale.
3. Le sue teorie non operavano nessuna distinzione tra realtà e fantasie (parliamo delle fantasie sul pene. Come le aveva riscontrate? E’ giusto generalizzare in questo modo sulle donne?).
4. Determinismo biologico: Freud andava dicendo che l’anatomia è destino. Dunque chi nasce senza pene rimarrà un cittadino di serie B per sempre.
Per fortuna oggi a queste teorie sulla femminilità non è più attribuito il valore scientifico di un tempo. Qualcosa è cambiato…

http://il-volo-della-mente-d.blogautore.repubblica.it/2016/05/06/lanatomia-e-destino-buon-compleanno-freud/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...