Galimberti, Vernole: “Non confondiamo rimpianti, tradimenti e bugie”

di Gabriella Vernole, Umberto Galimberti, d.repubblica.it, 27 agosto 2016

Caro professore, con mio marito abbiamo visto La comune del regista danese Thomas Vinterberg, non un gran film, ma non immaginavamo che avrebbe toccato così profondamente un nostro nervo scoperto. Tema: la fedeltà coniugale. Stiamo per festeggiare il nostro 46esimo anniversario di nozze e non ci siamo mai veramente traditi. Coppia inossidabile, dicono di noi, ma da anni io so di profonde crepe. Non possiamo vivere serenamente insieme e non possiamo lasciarci (troppa storia bella tra di noi) (…) Gabriella Vernole gvernole@gmail.com

La sua lettera è troppo strana perché io le possa dare una risposta “a grandangolo” come mi chiede, ammesso che ne sia in grado. E allora non mi resta che invertire le parti, e chiederle io qualche chiarimento. Innanzitutto, la questione di cui mi parla è, come lei scrive: «una quaestio che “ci” tormenta”, o che “la” tormenta? Perché se tormenta tutti e due, per risolverla basta aprirsi entrambi ad altri affetti. Se invece tormenta lei sola, allora il problema è più complicato, ma va comunque risolto perché la rassegnazione spegne la vita. Una seconda cosa trovo ancora più strana: dice che siete sposati da 46 anni, e siccome non avrete contratto nozze appena nati, dovreste avere un’età in cui il desiderio, di cui lei lamenta la mancanza, si affievolisce come natura vuole.

Per leggere il seguito della lettera e della risposta vai al link:

http://d.repubblica.it/dmemory/2016/08/27/lettere/rispondeumbertogalimberti/122lette20160827691220122.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...