Maiolo: “Gli effetti psicologici del terremoto”

Con i bambini vi è l’urgenza di intervenire subito per aiutarli a superare il trauma e lo stress che il terremoto ha prodotto

di Giuseppe Maiolo, ladigetto.it, 4 settembre 2016

Quando la terra trema vacillano le sicurezze di ognuno di noi. Perché il terremoto, a un livello profondo, produce qualcosa di destabilizzante, legato all’identità delle persone, alle certezze di una vita e alla quotidianità che di colpo viene interrotta, frantumata, distrutta. Il trauma che si sviluppa in chi viene colpito direttamente è collegato strettamente alle perdite affettive e materiali ma anche e in modo particolare allo sgretolamento della sicurezza e del proprio futuro. Le macerie, le case polverizzate o le crepe sugli edifici che rimangono in piedi hanno moltissime similitudini con le distruzioni o le crepe che si creano all’interno di ogni individuo quando subisce i danni dell’evento catastrofico. Ma, anche se distanti dall’epicentro e non direttamente interessati, ognuno di noi in simili frangenti, di fronte alle immagini del terremoto, della devastazione e dei morti, avverte un diffuso disagio e un profondo malessere che anche dopo giorni influenza i nostri pensieri e l’umore.

Segue qui:

http://www.ladigetto.it/permalink/57564.html

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...