Montanelli giovane, le parole oscure, il golpe editorale, il “filosofo” Freud

di Aldo Forbice, avantionline.it, 15 settembre 2016

Su Indro Montanelli vi è ormai una ricca letteratura : biografie , testimonianze di amici , estimatori, studenti di giornalismo,lontani parenti. Ma un libro,come quello di Salvatore Merlo, ancora non era stato scritto, anche se si occupa  solo degli anni giovanili del giornalista  (“Fummo giovani soltanto allora”,Mondadori ). Un libro brillante che fa emergere la vera anima del “principe del giornalismo” negli anni verdi della sua vita e delle sue prime prove professionali nello scenario del fascismo: un regime, di cui fu gregario, ma in cui presto si smarcò, riuscendo  a subirne le conseguenze , che lo portarono all’emarginazione e persino in carcere ( a San Vittore), dove conobbe Mike Bongiorno e il falso generale Della Rovere.

I racconti di Merlo non sono solo la biografia di un controverso e suggestivo personaggio ma rappresentano gli affreschi di un’epoca, caratterizzata da una generazione che visse le contraddizioni del Novecento, con i totalitarismi, le tragedie della guerra, le sofferenze,le tensioni ideali violente ma anche da furbo opportunismo e cinica realpolitik. Il Montanelli degli anni ’30 e ’40 è  molto diverso di quello che poi diventò nel dopoguerra. Già allora  era temuto, stimato e riverito da amici e nemici.”Montanelli – osserva Merlo – non è ancora l’italiano che si sente sempre altrove, sempre contro , sempre fuori e che afferma il suo impegno civile sotto la specie di un affetto ombroso e sarcastico per l’Italia  alle vongole. Indro viveva ancora, malgrado l’altalena degli umori di pressioni faziose, da italiano appunto”. Montanelli fu uno dei massimi esponenti del “partito degli apoti”, cioè di quelli che non se la bevono. Fu un “partito” inventato da Giuseppe Prezzolini, a cui il “toscanaccio” aderì subito con grande entusiasmo,come testimonia un suo articolo sul “Corriere” (4 gennaio 1996) . A questo principio rimase fedele per tutta la sua vita.

Segue qui:

Montalli giovane, le parole oscure, il golpe editorale, il “filosofo” freud

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...