Ospiti – Porta: “La pedofilia nell’immaginario contemporaneo. Alcune considerazioni”

di Laura Porta, lettera.alidipsicoanalisi.it, 23 settembre 2016

In questo articolo* propongo alcune riflessioni sulla pedofilia non come perversione del singolo ma come discorso collettivo. Essa ci viene offerta, con una matrice sottile e discreta, a livello sociale e culturale sotto forma di mode e di stili di vita, riguarda sia le giovanissime che le donne mature, bersagli di una suggestione che esalta l’infanzia e l’adolescenza come oggetti privilegiati dell’attrazione erotica. Una strana iniziazione impone oggi alle giovanissime il modello della prostituta come standard estetico per l’appartenenza al gruppo delle coetanee. Le incontriamo, di notte, 14-20enni, nelle piazze che brulicano di bar, gelaterie e locali.
Non si può fare a meno di notare il look delle ragazzine e delle ragazze, nel sanissimo anelito di “appartenere” ad un gruppo, ad un’identità collettiva: shorts sgambatissimi, collant appositamente strappati stile “stupro”, minigonne senza calze anche a gennaio con giaccone a filo della minigonna effetto “nuda sotto”, scarpe con tacco 12 cm che paiono supporti ortopedici medievali e che le fanno incedere a passo incerto come creature infortunate, trucco esageratamente sapiente, risultato di ore di e-learning… sembrerebbero ragazzine “mascherate” da prostitute.

Segue qui:

La pedofilia nell’immaginario contemporaneo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...