Montanari: “Telemaco? Ma non scherziamo.. Note su una figura analitica contraddetta dai fatti”

di Maurizio Montanari, lettera43.it, 14 febbraio 2017

Continuare ad osservare l’attuale scenario politico italiano attraverso la lente analitico-edipica del mancato passaggio padri-figli, ingenera dei fraintendimenti, primo tra i quali quello di intendere il fenomeno chiamato ‘renzismo’ come un elemento davvero nuovo. Sana interpunzione vitale in un sistema obsoleto, incapace di generare eredi, preda di pulsioni cannibalesche da parte dei padri intenti a fagocitare i pargoli. Suona bene, va riconsciuto, ma non regge alla prova dei fatti. E manco al vaglio teorico, a ben guardare.

Se non fossero bastati i recenti sviluppi referendari per chiarire questo malinteso, che almeno le ultime mosse, e un poco di storia, possano chiarire che insistere in questa lettura è una forzatura estrema. Vi narrano del Telemaco, colui il quale salta il fossato dei padri immobili e avvinghiati al potere, per segnare una strada nuova. Un ‘innovatore, un Céline del legame sociale, un Platini alla corte del catenacciaro Trapattoni. Una storia, questa, nella quale si favoleggia di una generazione arcigna che ha pensato di fermare il futuro ( quello che prima o poi torna), così che ‘muoia Sansone con tutti i Filistei’, messa alla striglia da chi, in modo legittimo e cristallino, reclama il suo spazio e la sua eredità. Giustamente irrequieto per quel malloppo che papà non vuole mollare. Insomma, un giusto investito dalla missione di portare ‘il bene’.

E mentre questa narrazione va in onda, sottotraccia si scorge un agire perverso che, fregandosene delle regole alle quali tutti siamo chiamati a rispondere, tentando di forzarle in ogni modo, saltabecca mediaticamante da un luogo all’altro, garantendosi uno stato di perenne intoccabilità. Telemaco evita e non risponde. Piu’ un SilverSurfer della politica che non l’erede designato. Non se la sente mica troppo di pagare il fio del tubo rotto davanti alla riunione condominiale.

Segue qui:

http://www.lettera43.it/it/blog/la-stanza-101-lo-sguardo-di-uno-psicoanalista-sul-contemporaneo/2017/02/14/telemaco-ma-non-scherziamo-note-su-una-figura-analitica-contraddetta-dai-fatti/4563/

Advertisements

2 thoughts on “Montanari: “Telemaco? Ma non scherziamo.. Note su una figura analitica contraddetta dai fatti”

  1. Antonio Antonacci ha detto:

    gentile Montanari, io non sono così bravo come lei nella scrittura, ma mi permetto di notare che il suo scritto fa parte di quella enorme schiera di conservatori, quando non reazionari, che difendono strenuamente una miriade di piccoli e grandi privilegi che sono la causa primaria del declino del nostro Paese. Voi genuini conservatori non esitate a falsificare la realtà, al punto da affermare che dopo 3 anni di governo di Renzi l’Italia è più impoverita, quando l’Istat, non Babbo Natale, certifica che negli ultimi 3 anni siamo passati dal meno 2% al più 1% del PIL. Magari si può dire che è ancora poco, ma dire “impoverita” significa fare della misera propaganda. Lei è una persona povera di spirito e rancorosa.
    Antonio Antonacci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...