Campagner: “Educazione sessuale ai bambini, i cattivi ‘buoni propositi’ di certi maestri”

Ai bambini di una 5a elementare è stato sottoposto un libricino con immagini sessuali esplicite. E’ educazione sessuale? O involontaria perversione?

di Luigi Campagner, ilsussidiario.net, 17 giugno 2017

Rispolverare la categoria della perversione, tenuta in vita ormai solo dalla psicoanalisi, per inquadrare l’episodio della lezione di sessualità proposta ai bambini di quinta elementare in quel di Modena — ne hanno parlato i giornali locali e nazionali nei giorni scorsi — potrà forse sembrare eccessivo. Ma provare a intendere i fatti sotto questa luce potrebbe non essere né inutile né obsoleto. Pervertire significa dirottare la finalità di un’azione trasformandola da benevola e benefica a malevola e dannosa, o potenzialmente tale. Sarebbe tale l’azione di un medico che sotto il mantello della protezione della salute perseguisse lo scopo di indebolirla e fiaccarla gravemente. O lo sarebbe l’azione di un magistrato che utilizzasse la sua carica e il suo sapere della legge per perseguire il proprio “particulare”, o per nascondere o commettere degli illeciti. È il caso stigmatizzato nell’episodio biblico di Susanna e i vecchioni, che non erano semplicemente due libidinosi voyeur, ma due magistrati che per ottenere i favori sessuali della ragazza, la ricattavano con la minaccia di testimoniare il falso presso il potente marito, accusandola di adulterio. Reato meritevole della morte per lapidazione. Non a caso l’episodio è narrato nel libro dei Giudici e neppure è fortuito che Daniele, il difensore di Susanna, fosse a sua volta un giudice.

Andiamo per gradi. Ai bambini di una quinta elementare della scuola Sant’Agnese di Modena viene sottoposto nell’ultima settimana di scuola un libricino come guida per un’articolata lezione di educazione sessuale, corredata da spiegazioni in forma di racconto e da immagini con disegni espliciti di atti sessuali. Il tutto a coronamento, come spiega la preside intervenendo sui media, di una attività programmata e concordata per tempo con i genitori, presumibilmente per provare ad attutire l’impatto con la scuola media, dove i bambini non sono più bambini e l’accesso ai media attraverso internet diventa, per la più parte, free.

Segue qui:

http://www.ilsussidiario.net/News/Educazione/2017/6/17/SCUOLA-Educazione-sessuale-ai-bambini-i-cattivi-buoni-propositi-di-certi-maestri/769461/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...