Thanopulos: “La vendetta e il senso della misura”

di Sarantis Thanopulos, il manifesto, 5 agosto 2017

Il desiderio di vendetta sembra prosperare attorno a noi. La sua presenza segnala uno scollamento tra senso di giustizia e senso di legalità. Esso svolge una funzione importante di riequilibrio psichico quando il danno subito a causa di una sopraffazione assume il significato di una ferita grave dell’amor proprio, mette chi ne fa le spese in una posizione subalterna, di sottomissione. Più la ferita appare grave, duratura e irreparabile, più la gestione del desiderio di vendetta diventa difficile e può portare a un senso di impotenza invincibile e a uno sbocco finale potenzialmente molto distruttivo. Coltivare fantasie di vendetta aiuta a riparare internamente il senso di giustizia, a creare uno spazio intermedio tra la reazione cieca e l’impotenza. Serve a mettere in gioco l’immaginazione e dispositivi di azione simbolici, creativi che trasformano la concretezza dell’affronto subito in una visione superiore, più intelligente e eticamente nobile, delle miserie del mondo. Quando nella propria esperienza personale le ferite narcisistiche sono profonde e molto precoci, la capacità di gestire i sentimenti di vendetta nel senso della costruzione di un’idea equilibrata della giustizia è molto ridotta. Il soggetto menomato nell’amor proprio vede nell’ingiustizia l’unico parametro affidabile per la definizione della propria posizione nel mondo e nella componente normativa, arbitraria presente in ogni legge l’unica vera autorità a cui fare riferimento.

Segue qui:

http://www.psychiatryonline.it/rubrica/4788

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...