Campagner: “Cari fanatici”, le parole di Amos Oz contro la catastrofe

A 14 anni dalla pubblicazione di “Contro il fanatismo”, Amos Oz torna sull’argomento, sempre attualissimo, della religione in Israele e Palestina con “Cari Fanatici”

di Luigi Campagner, ilsussidiario.net, 17 maggio 2018

A 14 anni dalla pubblicazione di Contro il fanatismo, Amos Oz torna sull’argomento, sempre attualissimo, con Cari Fanatici, una variazione sul tema che si articola in tre brevi saggi, dove il maggiore degli scrittori in lingua ebraica ribadisce la sua posizione sull’intricata questione arabo-israeliana. Oz si considera — honoris causa — un esperto di “fanatismo comparato”, e se non disdegna di immedesimarsi con la mente di un kamikaze, come ha fatto nel saggio scritto a quattro mani con Christoph Reuter, Paradiso adesso: 24 ore nella testa di un Kamikaze, in Cari fanatici tutte le sue premure sono rivolte ai fratelli ebrei. È proprio quello domestico il fanatismo che più lo preoccupa: quel fil rouge che unisce i religiosi oltranzisti, che ancora non hanno digerito la nascita dello Stato — che in quanto tale è laico (o almeno ci prova) —, i coloni che occupano i Territori e gli anti-sionisti di sinistra, in auge ormai anche in terra di Israele.

Segue qui:

http://www.ilsussidiario.net/News/Cultura/2018/5/17/LETTURE-Cari-fanatici-le-parole-di-Amos-Oz-contro-la-catastrofe/821234/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...