Dal mondo self a quello del selfie. Come siamo messi col “narcisismo di morte”

La trasformazione dello stile di vita individuale da trovata consumistica massificata a diritto imprescindibile. Lutto, dolore, ipocondria. Rileggere il saggio di André Green

di Antonio Gurrado, ilfoglio.it, 22 luglio 2018

Nel 1982, André Green aveva caratterizzato con la locuzione “moda del self” l’epoca in cui aveva originariamente pubblicato il proprio capolavoro, “Narcisismo di vita, narcisismo di morte”. Ora che Raffaello Cortina lo riporta in libreria, si può rileggere questo classico della psicoanalisi alla luce di ciò che in trent’anni siamo diventati: dal self al selfie il passo non è stato breve, con la trasformazione dello stile di vita individuale da trovata consumistica massificata a diritto imprescindibile; se ne può tuttavia ravvisare la radice comune nel narcisismo, concetto che da circa un secolo gode di alterne fortune. Freud, nel 1914, gli dedicò un rapido saggio che funse da intermezzo fra prima e seconda topica, ossia fra l’individuazione dell’inconscio come nucleo dell’Io e la teorizzazione di un principio distruttore sotteso all’Io e suo rivale. Questa svolta in termini pessimisti, complice la Grande Guerra, lo portò ad abbandonare di fatto la ricerca sul narcisismo che invece, per Green, dovrebbe essere il fulcro della psicoanalisi. L’uomo stesso si struttura grazie a un self che vive pensando a oggetti in modo continuativo, definendo così la permanenza dell’identità; solo che, come scrive Proust in un passo che Green cita con un certo orgoglio, quando l’Io “all’improvviso pensa a sé medesimo, trova solamente un apparato vuoto, qualcosa che non conosce”. L’Io narcisista libidinizza le pulsioni rivolgendole a sé stesso, senza considerare che l’Io consta della rappresentazione di oggetti esterni, altri da noi, ma non è a sua volta un oggetto rappresentabile.

Segue qui:

https://www.ilfoglio.it/societa/2018/07/22/news/dal-mondo-self-a-quello-del-selfie-come-siamo-messi-col-narcisismo-di-morte-206616/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...