Quando Freud abbandonò l’amico geniale

LA BIBLIOTECA DI ATLANTIDE / 2. Questa puntata della nostra serie estiva dedicata ai libri finiti (a torto) fuori catalogo, ci racconta “Fratello animale” di Paul Roazen, che nei primi anni ’70 riportò alla luce la figura tragica di Victor Tausk. Allievo, poi ripudiato, del padre della psicoanalisi

di Marco Belpoliti, la Repubblica, 29 luglio 2018

Fondando la psicoanalisi all’inizio del XX secolo Sigmund Freud aveva proposto il mito di Edipo, l’uccisione del Padre, come uno dei complessi fondamentali della cultura occidentale. Nella sua biografia c’è un episodio che sembra smentire quel mito e anche rovesciarlo: il Padre uccide il Figlio. Una storia semisconosciuta che riguarda un suo allievo, forse il migliore: Victor Tausk. Tausk si suicidò a 51 anni nel 1919, e di lui non resta quasi traccia nelle biografie di Freud. Il suo maestro l’ha cancellato, nonostante l’avesse apprezzato e sostenuto per dieci anni sino a pagargli gli studi in medicina e fame uno dei membri di rilievo della sua Società di psicoanalisi di Vienna.

Segue qui:

http://unipi.waypress.eu/cgi/ImageCgi.cgi?f=20180730/OPF1371.TIF&t=PDFOCR

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...