Dorfles, dalla psichiatria all’arte

Era laureato in medicina. Praticò anche per qualche anno. Un’esperienza che ha segnato il suo sguardo di critico, attento a tutte le forme espressive, come risposte ad un bisogno non razionalizzato. Il nostro ricordo di Dorfles

di Giuseppe Frangi, vita.it, 2 marzo 2018

Gillo Dorfles, critico d’arte, pittore, filosofo in realtà all’inizio era ben altro. Si era infatti laureato in medicina a Genova ed aveva preso la specializzazione in psichiatria a Pavia. Praticò per un paio d’anni nel dopoguerra all’ospedale Maggiore di Milano, per poi decidere che quella non era la sua strada. Eppure quella prima strada avrebbe lasciato un segno profondo. Sin dall’inizio Dorfles fu molto attento all’espressività delle persone con disturbi psichiatrici. Lui stesso aveva usato la pittura, quando ancora pensava che la psichiatria fosse la sua strada, per esplorare i volti e i misteri dei “matti”. Erano prove senza pretese, ma che oggi diventano dei documenti importanti per capire quella cesura che ad un certo punto segnò la sua vita. Perché non di cesura si trattò ma di un diverso modalità di indagine rispetto alla creatività umana. È a partire da questa sua formazione che Gillo Dorfles approcciò un’estetica in cui tutti aveva un diritto di cittadinanza, e dove quindi le differenze tra bello e brutto sfumavano. Amava ovviamente l’outsider art, quella prodotta dai pazienti con disturbi psichici. Era un assiduo frequentatore del più importante museo europeo dedicato a questa arte, il museo dell’Art Brut di Losanna. Riteneva che tutto ciò che a forza di segni e di colori dava spazio alle spinte dell’inconscio, fosse di grande interesse per una meno banale comprensione dell’uomo. Ormai più che centenario visitò con grande entusiasmo la Biennale di Venezia del 2013 che Massimiliano Gioni aveva voluto dedicare proprio all’esplorazione dell’outsider art del 1900.

Segue qui:

http://www.vita.it/it/article/2018/03/02/dorfles-dalla-psichiatria-allarte/146108/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...