Coltivare la mente

Sue Stuart-Smith in The Well Gardened Mind racconta il giardino come spazio psichico e la psiche come orto botanico

di Vittorio Lingiardi e Guido Giovanardi, ilsole24ore.com, 16 settembre 2020

In Inghilterra, durante il lockdown, la vendita di semi, piante e bulbi è aumentata del 35% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. In tempi così difficili, attraversati dall’incertezza e dalla paura, che cosa cerchiamo nel giardinaggio? Ci aiuta a capirlo il libro di una psichiatra e psicoterapeuta inglese, Sue Stuart-Smith. Si intitola The Well Gardened Mind e racconta il giardino come spazio psichico e la psiche come orto botanico. «Il dolore», scrive Stuart-Smith, «tende a isolarci. Una perdita che colpisce una famiglia genera la necessità di stringersi l’un l’altro ma, allo stesso tempo, poiché tutti la soffrono, finisce che ciascuno si trova da solo con la sua difficoltà. La tendenza a proteggersi dalle emozioni dolorose fa sì che alcuni sentimenti affiorino lontano dalle persone. Gli alberi, l’acqua, le pietre e il cielo possono sembrare impermeabili alle nostre emozioni, però non le respingono. La natura è imperturbabile, non si lascia contagiare dal nostro dolore, ma forse proprio per questo riesce a fornire una sorta di consolazione».

Segue qui:

https://www.ilsole24ore.com/art/coltivare-mente-ADxCThp

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...