Thanopulos: “La disaffezione, il Green Pass e il futuro”

di Sarantis Thanopulos, il manifesto, 23 ottobre 2021

Sul Green pass si sta polarizzando uno scontro chiaro sul piano dell’evidente contrapposizione tra due schieramenti pro o contro il suo uso, indefinito sulle prospettive. All’opposizione al Green Pass confluiscono gruppi molto diversi tra di loro. Coloro che, estranei o ogni tentazione di violenza o al populismo (e all’interno di una dialettica del tutto legittima in una democrazia), criticano la limitazione della libertà e paventano il rischio di un controllo digitale dei cittadini. Coloro che, per vari motivi, considerano i vaccini anti Covid pericolosi. Gli anti-vax che esistono, agiscono da molto prima della pandemia e la cui avversione ai vaccini è parte di un’ideologia sul modo corretto di vivere. Infine nella protesta sono coinvolte tendenze diffuse piuttosto anonime e non facilmente definibili che, al di là della loro appartenenza (poco misurabile) a forze ultraconservatrici o francamente reazionarie, sono in progressiva espansione. Ad essere realmente pericolosa è la presenza di queste tendenze -che, altamente contaminanti sul piano psicologico, non c’entrano nulla di per sé non con l’opposizione al Green pass (attecchiscono come parassiti in ogni forma di protesta). 

Segue qui:

http://www.psychiatryonline.it/node/9318

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...