Il ritorno di Freud: il fascino moderno del padre della psicanalisi

Dalla mostra di Ferrara sugli stati d’animo alle 42 rappresentazioni al Piccolo Teatro con Fabrizio Gifuni (40 mila spettatori)

di Paolo Di Stefano, corriere.it, 12 marzo 2018

Il ritorno di Freud. È un’evidenza più che un auspicio. Basta guardarsi intorno. Lo spettacolo del Piccolo Teatro, scritto da Stefano Massini e diretto da Federico Tiezzi, ha ottenuto risultati fuori dal comune: 42 rappresentazioni, quasi 40 mila spettatori ad applaudire Fabrizio Gifuni nei panni del padre della psicanalisi alle prese con l’interpretazione dei sogni. E intorno allo spettacolo, una serie di conferenze e di proiezioni cinematografiche sempre affollate, da Freud, passioni segrete di John Huston (1962) all’edipico Volver di Almodóvar (2006), passando per gli incubi di Hitchcock e le nevrosi di Woody Allen. Ai quali andrebbe, almeno idealmente, aggiunto il nuovo Polanski, uscito proprio questo fine settimana, Quello che so di lei: narrazione, dai risvolti freudiani quasi di scuola, che prende avvio dal blocco di ispirazione che colpisce una scrittrice assalita dalla colpa di aver messo a nudo la propria vita privata per ottenere successo.

Segue qui:

http://www.corriere.it/cronache/18_marzo_12/freud-ritorno-successo-ea2435f6-2565-11e8-8868-620b5c6d46c4.shtml

Annunci