Bellocchio: “Non rinnego nulla di nulla, oggi ho soltanto voglia di seguire le mie idee. Sbagliate oppure no, ha poca importanza”

di Maria Pia Fusco, repubblica.it, 13 aprile 2014 «L’ULTIMA retrospettiva che mi è stata dedicata forse fu quella di Locarno, una ventina d’anni fa. Anzi no, ce n’è stata anche un’altra un po’ più recentemente, a Pesaro. Ma in America…». Il cinema di Marco Bellocchio arriverà a New York tra pochi giorni, il 16 aprile. […]

“Da dove vengono i sogni?” E Fagioli torna in classifica

Settimo anno, il nuovo volume edito da L’asino d’oro sui corsi universitari, seguiti da migliaia di persone, dello psichiatra dell’analisi collettiva, esce in libreria e scala la classifica di vendite

di Redazione, rainews24.rai.it, 10 ottobre 2013

Se ne parla spesso come del guru di parte della Sinistra italiana, del mentore psicanalitico di Bellocchio e Bertinotti, dello psichiatra che da anni con le sue teorie fuori dal canone coinvolge migliaia di persone in sedute collettive; un nome tanto invisibile quanto presente sotto traccia nell’immaginario della nostra cultura. Forte del suo seguito, di una rubrica sul settimanale Left, e delle sue teorie il professor Massimo Fagioli con il suo nuovo libro, Settimo anno, edito da L’asino d’oro, dedicato ai suoi corsi universitari, scala la classifica di vendite. Venerdì 11 ottobre 2013 lo presenterà alla Feltrinelli romana di via Appia Nuova alle 17.30, con Martina Patané (medico chirurgo), Daniela Polese e Gianfranco De Simone (psichiatri e psicoterapeuti).

IL VIDEO DELL’INTERVISTA DI RAINEWS24

Da dove vengono i sogni? Omero diceva che vengono dagli dei. Il pensiero greco aveva definito l’irrazionale, animalità. Il pensiero senza coscienza è, invece, caratteristica della specie umana. Nascita e primo anno di vita hanno un pensiero che emerge dalla realtà biologica. In Settimo anno Fagioli traccia la storia del pensiero umano, la cui nascita, sostiene, avviene come immagine e non come parola. La nascita – dice lo psichiatra dell’Analisi collettiva – è capacità di immaginare. La genialità del pensiero nuovo che fa le scoperte scientifiche e l’arte, sono dovute all’irrazionale e non alla ragione come sostiene il millenario logos occidentale. In realtà, sono gli animali ad essere molto razionali, ragionano in maniera perfetta. Vitalità e pulsione, che fanno la fantasia di sparizione, sono i cardini del pensiero nuovo indispensabili per fare psicoterapia. Occuparsi del funzionamento della mente umana impone la ricerca di un nuovo metodo e una nuova identità in psichiatria. Se si vuole capire qualcosa – afferma – bisogna leggere Shakespeare e Sofocle. E non è vero che le scoperte scientifiche sono razionali. Lo sosteneva anche Rita Levi Montalcini, spesso sono fantasie e intuizioni che poi trovano modo di essere confermate dalla verifica. Fagioli cita Semmelweis, ma anche Kurosawa e Antonioni, rivendicando la creatività del linguaggio delle immagini, al contrario della psicoanalisi di Freud, per il quale si può soltanto riportare alla coscienza ciò che un tempo fu cosciente e poi fu dimenticato.

http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=182422

Bisogna salvare la “madre buona”

di Carlo Priolo, opinione.it, 31 luglio 2013 Ancora sangue; è toccato a Taurisano. Non aveva accettato la separazione, uccide la ex moglie e si suicida. Dalla Toscana alla Puglia le donne cadono per mano dell’uomo che hanno “amato” (o creduto di amare), con il quale hanno costruito una unione stabile, un cammino insieme, spesso uniti […]

Femmicidio: Shakespeare descrive la malattia, Fagioli indica la cura

di Carlo Patrignani, huffingtonpost.it, 31 luglio 2013 Due omicidi in un giorno e ancora due donne uccise dai loro uomini ‘abbandonati’ per nuovi amori. Due donne colpevoli di aver rotto un rapporto che evidentemente era insoddisfacente e averne intrapreso liberamente un altro. Questa libertà della donna, per una legge atavica non scritta, non può essere tollerata: alla […]

La cura non ha prezzo

Il costo delle sedute di psicoanalisi modulato in base agli effetti della crisi. Una logica di mercato che è iscritta nel cuore stesso della antropologia freudiana di Domenico Fargnoli, babylonpost.globalist.it, 2 luglio 2013 Mattia Moreni, Ah quel Freud, la psicoanalisi sul divano (1997) Per il Centro studi della Confindustria, abbiamo toccato il fondo: l’Italia rimane la […]

Massimo Fagioli: “Avrei potuto trovare…”

di Massimo Fagioli, left.it, 8 dicembre 2012 …altri termini verbali da far diventare parole. Avrei potuto dare identità alle realtà mai pensate dalla mente umana. Iniziai, cinquanta anni fa, con i termini: fantasia di sparizione che, non potendo legarsi l’uno all’altro, crearono il nome di una realtà invisibile, mai pensata esistente. Poi vennero: movimento, tempo […]

Freud la polemica. Intervista a Massimo Fagioli, lo psichiatra dell’Analisi collettiva

di Carlo Patrignani, altritaliani.net, 10 maggio 2010 La partita con Sigmund Freud e la psicoanalisi lo psichiatra Massimo Fagioli l’ha chiusa, passandoci dentro, prestissimo e nel 1970, dopo la sbornia rivoluzionaria del ’68 autodistruttivo, con la pubblicazione di Istinto di Morte e Conoscenza, ha posto le basi teoriche, le fondamenta, della prassi di ‘cura, ricerca e formazione’ che […]

Massimo Fagioli, la sinistra, la psicoanalisi (2006)

Ritorna Massimo Fagioli. Metto la Sinistra sul lettino «L’opposizione soffre ancora per la morte del comunismo. E per curarsi deve tornare ai valori della Rivoluzione francese» di Valeria Gandus, Panorama, 10 marzo 2006 Negli anni settanta incantò migliaia di giovani convogliando i loro sogni rivoluzionari in grandi sedute psicoanalitiche di massa. I colleghi lo chiamarono eretico. Ma […]