Freud, il geografo dell’amore. “L’Elba mi indica la via verso te”

Il padre della psicanalisi scrive alla futura moglie definendosi un “beato innamorato” di Redazione, Sigmund Freud, ilgiornale.it, 2 agosto 2015 Abbiamo iniziato a pubblicare le lettere d’amore inviate da personaggi illustri del passato. Tra i mittenti ci sono Eleonora Duse, Napoleone, Virginia Woolf, Verdi e moltissimi altri. Le gioie (o le pene) d’amore dei “grandi” sono […]

Recalcati: “La differenza tra la fuga e l’estasi mistica della solitudine”

di Massimo Recalcati, repubblica.it, 26 luglio 2015

Quante volte la nostra vita è stata attraversata dalla fantasia dell’isola, dalla spinta a separarci da tutto ciò che stabilisce vincoli ai quali non possiamo sottrarci? Dall’idea improvvisa di lasciare tutto? La vita con gli altri può generare anche il suo rifiuto, la spinta a sottrarsi, ad andare via. Mari tropicali irraggiungibili, montagne innevate, deserti, colline sperdute. La necessità di allontanarsi dall’Altro può essere altrettanto intensa della domanda della sua presenza. L’essere umano esige la solitudine come esige il legame. In realtà può stare in un legame solo se sa sopportare la condizione della sua solitudine. La solitudine non è isolamento. L’isolamento è il richiudersi accidioso della vita in se stessa; è un modo per rifugiarsi dall’instabilità che condiziona ogni legame.

Segue qui:

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2015/07/26/la-differenza-tra-la-fuga-e-lestasi-mistica-della-solitudine40.html?ref=search

RepTv News, lo psicoanalista Recalcati: “Disconnettiamoci, la solitudine è un diritto”

di Redazione, video.repubblica.it, 27 luglio 2015

Il valore della solitudine: ricarica la libido e ci riconcilia col mondo. Ecco perché è molto diversa dall’isolamento, e tutti dovremmo regalarci un momento di pausa.

Vai al link:

http://video.repubblica.it/rubriche/reptv-news/reptv-news-lo-psicoanalista-recalcati-disconnettiamoci-la-solitudine-e-un-diritto/208113/207212?ref=search

Ospiti – Papa Francesco cita Freud

di Giancarlo Gramaglia, psicologo-gramaglia-torino.net, 23 giugno 2015 Ieri sono salito sulla Mole Antonelliana a vedere la folla attorno a Papa Francesco in piazza Vittorio Veneto a Torino. Il suggerimento all’articolo mi è giunto dal pensiero di un “Think!” di Giacomo B. Contri1 che riporta un’intervista in cui Papa Francesco cita Freud2: “Non mi piacciono le interpretazioni ideologiche, una […]

Galimberti: “Freud, Jung, Lacan non funzionano più. Cresce la richiesta di consulenza filosofica”

“La  crisi – sostiene lo psicoanalista e filosofo –  è dovuta alla psicoanalisi stessa, che si è chiusa nelle categorie psicoanalitiche classiche – Freud, Jung, Lacan – che probabilmente in una società radicalmente trasformata non funzionano più”. “Molta gente si sposta dal mondo psicoanalitico al mondo filosofico. Non dimentichiamo che la filosofia è anche una teoria […]

Pesatori, se il futuro è già tutto scritto nel meteo dell’anima

L’astrologo di “D” lancia la sfida a Renzi: “Segno Andreotti, ascendente Raffaella Carrà” di Erica Manna, genova.repubblica.it, 6 giugno 2015 L’essenza del renzismo è tutta condensata nel tema natale, proiettato sulla parete. “È del segno di Andreotti, con ascendente Raffaella Carrà”. Marco Pesatori, uno dei più celebri astrologi italiani, autore su D-La Repubblica delle Donne di oroscopi […]

Sinodo. La battaglia di Germania

I vescovi tedeschi si battono per aprire la strada a divorzio e omosessualità. Ma sei di loro si sono dissociati. E un giurista critica a fondo in un libro le tesi del cardinale Kasper. “È una crisi di fede”, commenta il cardinale africano Sarah di Sandro Magister, chiesa.espresso.repubblica.it, 29 maggio 2015 n coincidenza temporale perfetta, […]

EXPO 2015: Nutrire il pianeta

di Giuseppe Maiolo, ladigetto, 6 maggio 2015 Il tema dell’Expo 2015 che si è appena aperto è: «Nutrire il pianeta».  Una grande sfida che, come dice Umberto Veronesi, si muove tra due estremi paradossali, la malnutrizione e l’obesità.  Ci sono quindi molti aspetti che ci spingono a non perdere l’occasione per riflettere su questo argomento […]

Ospiti – Arte (e) terapia. Breve storia di un rapporto difficile

Il rapporto fra espressione artistica e disagio mentale ha almeno centotrent’anni. Qui trovate una sintesi, da Lombroso a Edith Kramer, passando per Freud e Jung. Una introduzione prima di sviluppare e parlare dei tanti nodi e delle tante iniziative in questo campo di Barbara Balestri, artribune.com, 26 aprile 2015 GENIO E ARTE: I PRIMI PASSI La […]

Ospiti – La stanza della madre

Inconciliabilità di cinema e vita in Nanni Moretti di Roy Menarini, .mymovies.it, 19 aprile 2015 Chissà che cosa pensa Jasmine Trinca del fatto che tutti stiano plaudendo alla figura della regista donna interpretata da Margherita Buy in Mia madre immemori della sua figura di regista in Il caimano, di cui ritornano alcune strutture (sogni mescolati a […]

Pietro Barbetta. La follia rivisitata

di Marco Dotti, doppiozero.com, 15 aprile 2015 Se l’umanità potesse fare un sogno comune, che cosa sognerebbe? Sognerebbe Moosbrugger, i suoi occhi dolci, la sua mitezza, la simpatia che ne celano il crimine. Queste, le conclusioni cui giunge Ulrich, l’uomo senza qualità descritto da Musil, in un mondo che di qualità – rispetto al residuo mitteleuropeo […]

Sapessi com’è strano il cielo sotto Milano

“M.Una metronovela” di Stefano Bartezzaghi racconta la città osservata dalla metropolitana. Un viaggio sentimentale per darle finalmente un ordine di Massimo Recalcati, repubblica.it, 15 aprile 2015 Una metronovela non è semplicemente uno tra i migliori libri di Stefano Bartezzaghi, ma inaugura con forza un nuovo tempo del suo lavoro di scrittura e di ricerca; quello […]

Quel copilota senza il padre

di Glauco Maria Genga, culturacattolica.it, 10 aprile 2015 «Qui beatum nuntium non perfert recedat» «Chi non reca una buona notizia torni indietro»: così si legge sulla facciata di una villetta in Città Studi, a Milano. Un’iscrizione singolare, esibita dai residenti a mo’ di difesa. Ma non basta! Vorremmo affidarci a qualche certezza più solida di […]

Michel Foucault, l’invenzione della conoscenza

«Lezioni sulla volontà di sapere», uscito per Feltrinelli, propone i testi del primo corso svolto al Collège de France nel 1970. Conflitto tra verità e potere e la confutazione delle teorie di Freud sono alcuni «cavalli di battaglia» dello studioso di Roberto Ciccarelli, ilmanifesto.info, 7 aprile 2015 n angolo remoto dell’universo scin­til­lante e dif­fuso attra­verso infi­niti […]

Contri, Recalcati, Bollorino, Ostellino, Campagner su Andreas Lubitz

Altan e la matematica di Giacomo B. Contri, giacomocontri.it, 30 marzo 2015 Ecco il meglio di Altan (in occasione dell’Airbus Lufthansa, ma non solo): “In fondo è tutto più semplice di quello che temiamo” (Rep. venerdì 27 marzo). Che cosa ha fatto il copilota dell’Airbus?: ha trattato i passeggeri fisicamente raggruppati o assemblati nell’aereo come nient’altro […]

Contributi – La differenza sessuale c’è. È dentro di noi

di Luisa Muraro, 27esimaora.corriere.it, 27 marzo 2015 Nel Manifesto di Rivolta femminile (1970) c’è scritto «Ci costringono a rivendicare l’evidenza di un fatto naturale». Metto queste parole sullo stendardo con cui scendo in campo per affermare che la differenza sessuale c’è. Ma, attenzione, a non intendere male. Non ho detto che c’è differenza tra uomini […]

“Una nuova amica” di François Ozon: un “divertimento” freudiano

di Gianfranco Cercone, notizie.radicali.it, 23 marzo 2015 Si possono fare buoni film applicando le teorie di Freud? Certo, la verità di cui va alla ricerca l’arte non si può ottenere attraverso l’applicazione di una formula, sia pure delle formule geniali dell’inventore della psicanalisi. Quella verità, quando è raggiunta, è evidentemente il frutto di una libera […]

Cosa separa i nostri figli da “Ryan”, il piccolo assassino dell’Isis?

di Luigi Campagner, ilsussidiario.net, 15 marzo 2015 Gli uomini dell’Isis cavalcano a meraviglia la tecnologia moderna e la globalizzazione. Due fenomeni che la loro civiltà non ha saputo produrre e nei confronti dei quali li muove un contorto sentimento di ammirazione e di odio. Probabilmente anche quelli nati e cresciuti nelle più moderne capitali d’occidente […]

Le vie dell’eros che avvicinano la psicoanalisi all’anima

di Massimo Recalcati, repubblica.it, 14 marzo 2015

Il tema di In principio era l’amore di Julia Kristeva, nota studiosa di semiotica e psicoanalista originale e apprezzata formatasi a Parigi, è un tema classico della psicoanalisi. Esso si interroga sui rapporti tra questa disciplina e l’esperienza religiosa della fede. Su questo punto Freud aveva tenuto una posizione priva di sfumature: la religione è una “nevrosi” o, ancora peggio, un “delirio” dell’umanità. Nella fede si può rintracciare una regressione dell’uomo a uno stato di minorità che dà luogo all’idealizzazione infantile di un padre buono e tutto-amore che in realtà non esiste. A partire da Freud – forse con la sola eccezione significativa di Lacan – la tradizione psicoanalitica ha sostenuto compattamente questa idea superstiziosa della religione.
L’uomo religioso è l’uomo che rifiuta la responsabilità di affrontare le asprezze reali della vita per rifugiarsi nella credenza illusoria di un «mondo dietro il mondo» — come direbbe Nietzsche — , regredendo allo stato di un bambino che non vuole rinunciare alla sua credenza nell’onnipotenza ideale dell’Altro e che per questa ragione trasferisce su Dio tutti quei tratti di infallibilità che prima attribuiva al proprio padre.
Il testo di Julia Kristeva non ricalca questo orientamento. Piuttosto, si impegna nella ricostruzione di una genealogia della ragione psicoanalitica che intende mostrare tutta la sua differenza nei confronti dei paradigmi scientisti di origine positivistica. La ragione psicoanalitica non ha a che fare con cifre, numeri, quantificazioni aride, ma con l’esercizio della parola e dell’ascolto.

Per continuare:

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2015/03/14/le-vie-delleros-che-avvicinano-la-psicoanalisi-allanima60.html?ref=search

Zavatti: con Dante alla scoperta della luce che «balugina» in noi

di Cesare Cavalleri, avvenire.it, 11 marzo 2015 Il commento di Giovanna Zavatti alle prime due cantiche dantesche in Con Dante. Dall’Inferno al giardino dell’Eden (Book Time, pp. 144, euro 14) non è meramente letterario, perché il viaggio di Dante nell’Aldilà non è solo letteratura, bensì percorso esistenziale che Zavatti interpreta secondo la Psicosintesi di Roberto […]

Io confesso. Dilaga il rito dell’intimità pubblica

di Carlo Bordoni, lettura.corriere.it, 10 marzo 2015 «A partire dal Medioevo, le società occidentali hanno posto la confessione fra i riti più importanti da cui si attende la produzione della verità». Tanto che l’uomo «è diventato una bestia da confessione». L’affermazione di Michel Foucault, del quale ora Feltrinelli pubblica le lezioni del 1971 per il corso […]

“Addio al vecchio complesso di Edipo. La neuroscienza non sa che farsene”

Saggio dello psichiatra Orbecchi: è ora di rottamare la psicanalisi di Freud di Gabriele Beccaria, La Stampa, 10 marzo 2015 Un secolo sul lettino e stiamo così così. Ma le nostre anime non sono state abbandonate. Anzi. La psicoterapia del futuro è già tra noi. Scintillante di scoperte, ci sta esplorando e promette – lei […]

Mastrolilli e Sforza: come sta la psicoanalisi?

Dio è morto, Marx è morto e anche la psicanalisi sta poco bene Allarme da New York: è incalzata da surrogati come lo yoga e persino dall’iPhone di Paolo Mastrolilli, La Stampa, 4 marzo 2015 «Dio è morto, Marx pure, e anche io non mi sento molto bene». Se a questa battuta rubata a Eugene […]

Il contrattacco del professore accusato di paragonare i matrimoni gay all’Isis

Lettera di Mario Binasco, ascoltato dalla Commissione Giustizia del Senato, e poi attaccato dall’Espresso. Che gli attribuisce frasi mai pronunciate e titoli mai esibiti di Mario Binasco, tempi.it, 27 febbraio 2015 Gentile direttore, le chiedo ospitalità per informare lei e i suoi lettori di un’istruttiva disavventura che mi sta capitando: e lo chiedo a lei […]

Un Dio in incognito in scena alla Pergola

Una cosa comunque è certa: in questo testo c’è ben poco di gratificante o consolatorio di Domenico Del Nero, totalita.it, 27 febbraio 2015 Tutti, forse persino gli atei più incalliti, sognano probabilmente di incontrare Dio.  Non  necessariamente per ringraziarlo o per adorarlo; qualcuno – probabilmente molti – per fargli le proprie rimostranze e far notare quanto, […]