Roudinesco: “I viaggi di Freud” (2006)

di Élisabeth Roudinesco, letterainternazionale.it, 1 luglio 2006 Sulla sua febbre per i viaggi, Freud ci ha lasciato lettere e cartoline piene di aneddoti, redatte nella gran parte dei casi in stile telegrafico: mangiare, bere, dormire, lavarsi, spendere, risparmiare, contare, raccontare, descrivere i luoghi (città, paesaggi, musei), spostarsi, studiare percorsi, consultare le guide (la famosa Baedeker). Dal più […]

Più l’affetto che l’intelletto in un mondo di madri e sorelle

di Elisabeth Roudinesco, corriere.it, 10 ottobre 2003 Giovanni Paolo II ha detto: «Credo nel genio delle donne! Anche nei periodi più oscuri della storia si trova questo genio che è la leva del progresso umano e della storia!». Era il 17 febbraio 1988. Una frase lontana negli anni, forse sperduta, che merita ancora d’essere analizzata […]

Roudinesco – Jacques Lacan. Il gran teatro dell’inconscio –

di Luciana Sica, repubblica.it, 25 novembre 1995 Per Umberto Eco era “un essere adorabile, stregonesco, spietato”. Per i nemici un ciarlatano, un volgare illusionista, un dissimulatore, un doppiogiochista. Un uomo morale, forse un pazzo. Amato fino all’esaltazione, disprezzato fino all’insulto, Jacques Lacan (1901-81) è stato un padre, un maestro e un clown. Un sacerdote conflittuale […]

Freud e la filosofia – intervista a Elisabeth Roudinesco (1994)

di Redazione, EMSF RAI, 10 maggio 1994 Professoressa Roudinesco, può parlarci del rapporto tra Freud e il pensiero filosofico del suo tempo?  Credo che Freud non abbia avuto maestri di filosofia in senso proprio. Egli è stato senza dubbio segnato dalla tradizione filosofica tedesca, ma ha fatto studi di medicina e di neurologia ed è stato […]

Freud e la filosofia in Francia – Intervista a Elisabeth Roudinesco –

della Redazione della Enciclopedia delle Scienze Filosofiche-RAI, 10 maggio 1994 Professoressa Roudinesco, negli anni Quaranta ha luogo in Francia l’ascesa del pensiero filosofico esistenzialista. Come si lega questa ascesa al nome di Freud? Rifiuta l’influenza di Freud o tenta in qualche modo un dialogo con il freudismo? La grande sintesi avviene evidentemente nel 1943 con […]